Aenne Biermann alla Pinakothek der Moderne

In mostra oltre 100 originali dalla collezione della Stiftung Ann und Jürgen Wilde, con documenti d'epoca

«Kinderhände», 1928, di Aenne Biermann. Stiftung Ann e Jürgen Wilde, Pinakother der Moderne, München. Foto: Sibylle Forster
Francesca Petretto |  | Monaco di Baviera

Un doveroso omaggio a una scintillante meteora della fotografia europea dei decenni ’20 e ’30 del Novecento è la mostra «Aenne Biermann. Familiarità delle cose» che la Pinakothek der Moderne–Sammlung Moderne Kunst dedica dal 12 luglio al 13 ottobre alla un tempo famosissima fotografa ebrea tedesca Aenne Biermann (1898-1933) a 85 anni dalla sua scomparsa.

Negli anni della Repubblica di Weimar, da autodidatta, si conquistò un posto nel pantheon dei fotografi esponenti della Neue Sachlichkeit e del Neues Sehen. Estranea allo sviluppo delle avanguardie artistiche nelle grandi città, eppure assai apprezzata dalla critica e onnipresente nelle più importanti mostre di fotografia moderna, dal 1929 in poi tra Monaco, Berlino e Bruxelles, raggiunse nel giro di pochi anni l’apice della notorietà, tuttavia di breve durata, stroncata come fu in pochi mesi da un male incurabile.

Le sue opere più
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Petretto
Altri articoli in MOSTRE