Adolescenti come top model

Walter Guadagnini |  | Humlebaek (Danimarca)

Grande mostra di Rineke Dijkstra che il 9 ottobre riceve l’Hasselblad

«Almerisa, Asylum Centre Leiden,  The Netherlands, March 14, 1994»  di Rineke Dijkstra. Courtesy the Artist and Marian Goodman Gallery, New York, Paris and LondonRineke Dijkstra è emersa alla ribalta internazionale alla fine del secolo scorso, segnalandosi da subito come una delle protagoniste di quel rinnovamento della fotografia documentaria che aveva in alcuni rappresentanti della Scuola di Dusseldorf, in particolare Thomas Struth, Candida Hofer e il primissimo Thomas Ruff, i suoi capofila.

Olandese, nata nel 1959, Dijkstra ha concentrato la sua attenzione principalmente sul ritratto, riprendendo nella sua interezza la figura umana o concentrandosi sul volto, per riflettere sul nostro essere al mondo, sullo scorrere del tempo e sugli statuti della società. Il tutto, con un linguaggio estremamente asciutto, essenziale, poco spettacolare, se non nelle dimensioni sempre notevoli, controllatissimo dal punto di vista formale, sostanzialmente classico insomma, capace di rinnovare la grande lezione
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Walter Guadagnini