A contatto con Medardo

A Gand un'imponente retrospettiva in occasione dei 90 anni della scomparsa dell'artista

Medardo Rosso nel suo atelier
Franco Fanelli |  | Gand

Il metodo di lavoro di Medardo Rosso (1858-1928) è esso stesso un’opera: non tanto in termini performativi quanto processuali. Il riesame storico e critico del lavoro dello scultore attivato nella seconda metà del XX secolo, dominata appunto da ricerche legate alla transitorietà e alla mutazione della materia, ha fatto emergere con forza questo aspetto, ripreso, sino al 24 giugno, da un’imponente retrospettiva organizzata, a novant’anni dalla scomparsa dell’artista, dal Museo di Belle Arti (Msk) di Gand, che la ospita sino al 24 giugno, in collaborazione con il Museo Medardo Rosso di Barzio (Lecco), diretto da Danila Marsure e curata da Gloria Moure.

La compresenza di 52 sculture, 50 disegni e 70 fotografie consente di approfondire un modus operandi basato su due convinzioni: che la luce determina le forme e che nulla è materia nello spazio, perché ogni cosa è spazio. La scelta del modellato in
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli