L’installazione «Dialoghi» (2019) di Venia Dimitrakopoulou

Image

L’installazione «Dialoghi» (2019) di Venia Dimitrakopoulou

Venia Dimitrakopoulou: una profezia greca a Torino

Seconda tappa della mostra dell'artista greca, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

L’artista greca Venia Dimitrakopoulou ha iniziato a Palermo il suo «viaggio in Italia», scandito da tre tappe. È ora la volta, dal 22 febbraio al 31 marzo, della Gallery della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Curata da Afrodite Oikonomidou e Matteo Pacini e intitolata «Venia Dimitrakopoulou. Futuro Primordiale - Logos», la rassegna è incentrata sulla parola, sul segno, sulla scrittura poetica e sull’automatismo letterario e grafico, modalità espressive che affiancano la ricerca prettamente scultorea della Dimitrakopoulou.

Fogli sciolti e leporelli, diari, libri d’artista, ma anche due installazioni di grandi dimensioni compongono l'allestimento: si tratta di un’opera inedita (2019) creata per l’occasione, che rappresenta un’epigrafe in ferro con una «profetica» scritta luminosa e dell’installazione «Dialoghi» (2019) che rimanda a libri destrutturati in imponenti lastre di ferro e delicata carta cinese, sui quali fluttuano in inchiostro nero e rosso frasi ispirate da una ricerca sociologica.

L’inchiostro indiano, il pastello, l’acquarello, fino al collage su carte rare danno forma a opere all’insegna di un nomadismo stilistico e tecnico che, alla grafica, come spiega in catalogo Franco Fanelli, è «condizione coerente e necessaria per un’artista che, nell’esilio della classicità, vive e opera sul limitare di un trapasso epocale».

L’esposizione presso alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino gode dei patrocini del Ministero della Cultura e dello Sport della Repubblica Ellenica, dell’Ambasciata di Grecia a Roma e del Museo Nazionale di Arte Contemporanea di Atene (Emst) e si configura come seconda tappa della trilogia di mostre italiane organizzata dalla Fondazione Ellenica di Cultura - Italia in collaborazione con Artespressione di Milano, galleria di riferimento dell’artista in Italia per questa rassegna, che dal 12 aprile al 14 giugno proseguirà a Trieste presso il Civico Museo Sartorio e il Castello di San Giusto con altre opere inedite sul tema del «Suono».
 

L’installazione «Dialoghi» (2019) di Venia Dimitrakopoulou

Redazione GdA, 21 febbraio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Biblioteca Reale di Torino l’«Autoritratto» è esposto con sei disegni del Codice Atlantico che corroborano la tesi che nel celebre disegno Leonardo da Vinci abbia raffigurato sé stesso all’età di 65 anni

Lo spazio torinese, con un allestimento studiato in situ, accoglie ritratti a china e acquerelli in cui si libra un interessante cosmo femminile

Miglior partecipazione nazionale al Padiglione Australia con il progetto dell’aborigeno Archie Moore. Miglior artista nella mostra centrale il maori Mataaho Collective. Leone d’Argento alla 39enne nigeriana Karimah Ashadu e menzioni speciali al Kosovo, alla 88enne palestinese Samia Halaby e alla 35enne argentina La Chola Poblete

La Russia, che non partecipa alla Biennale di Venezia dall'invasione dell'Ucraina del febbraio 2022, ha ceduto l'uso del suo Padiglione ai Giardini alla Bolivia. Intitolata «Guardiamo al futuro passato, camminiamo in avanti», la mostra è organizzata dal Ministero delle Culture boliviano, con il viceministro Juan Carlos Cordero Nina in qualità di commissario. La ministra Esperanza Guevara ce la presenta in anteprima

Venia Dimitrakopoulou: una profezia greca a Torino | Redazione GdA

Venia Dimitrakopoulou: una profezia greca a Torino | Redazione GdA