«Senza titolo / Untitled» (1960) di Mario Schifano. Collezione privata, Courtesy Gió Marconi, Milano

Image

«Senza titolo / Untitled» (1960) di Mario Schifano. Collezione privata, Courtesy Gió Marconi, Milano

Schifano tra New York e Milano

Mentre il Robert Olnick Pavillion di Cold Spring inaugura con una sua mostra, la Fondazione Marconi e GióMarconi ne celebrano l’estro con i suoi lavori su carta

La prima mostra personale presentata dallo Studio Marconi a Milano, nel dicembre 1965, subito dopo la collettiva inaugurale, fu quella di Mario Schifano (1934-1998). Da allora, il grande gallerista Giorgio Marconi restò lungamente al fianco dell’artista («un vulcano geniale bugiardo bello generoso infedele elegante frenetico asociale vorace affabulatore insaziabile incosciente pazzo scatenato che voleva tutto», nei suoi ricordi), dedicandogli mostre e monografie miliari.
IMG20230925165643366_130_130.jpeg
Ora sono la Fondazione Marconi, da lui istituita nel 2004, e GióMarconi, la galleria del figlio, oggi fuse in un’unica realtà, a presentare in via Tadino 15 l’importante retrospettiva «Mario Schifano TUTTO nelle carte...», curata da Alberto Salvadori, in contemporanea con la mostra «Mario Schifano: The Rise of the ‘60», promossa da Magazzino Italian Art di Nancy Olnick e Giorgio Spanu, e curata da Salvadori stesso per l’apertura del Robert Olnick Pavillion, il nuovo spazio espositivo di Magazzino, a Cold Spring, New York.

La mostra milanese, che evoca nel titolo tanto la personale «Tutto» del 1963, alla galleria Odyssia di Roma, quanto il progetto postumo del 2001, romano anch’esso, con la mostra e il film omonimi (quest’ultimo, di Luca Ronchi, fu presentato alla Mostra del Cinema di Venezia), appunta la propria attenzione sui lavori su carta degli anni ‘60, i più fecondi e felici della sua vicenda artistica, essendo le carte di quel decennio non solo fitte e numerose ma fondanti nel lavoro di Schifano.

Qui è esposta una selezione dei cicli più noti, gli stessi che l’artista andava affrontando anche sulla tela, dai «Monocromi», del 1960, fino a «Compagni compagni» del 1968. Fra i due estremi, i «Paesaggi anemici», «Futurismo rivisitato», «Ossigeno ossigeno» e «Oasi».
IMG20230925165830466_130_130.jpeg
Onnivoro e prensile com’era, capace di cogliere acutamente, e in presa diretta, le novità della società che stava prendendo forma negli anni del dopoguerra, Schifano seppe elaborare un linguaggio parallelo a quelli della Pop Art e del New Dada ma non debitore di quelli, in cui attingeva ai modi dei pittori d’insegne come alla segnaletica stradale, alla pubblicità come ai film e alla vita quotidiana, mentre riempiva la sua casa di pile di giornali e riviste del mondo intero e teneva costantemente accesi più e più schermi televisivi per nutrire la sua «fame» di vita con le loro immagini.

Immagini che poi manipolava secondo quei personalissimi percorsi mentali con cui tracciava la geografia del nuovo paesaggio, umano e urbano, degli anni ’60, gli anni di cui è stato uno degli interpreti più efficaci e talentuosi.

Giorgio Marconi e Mario Schifano, Studio Marconi, Milano 1966 Fotografie Ugo Mulas © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati

Ada Masoero, 20 settembre 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Alla soglia dei novant’anni il pittore bolognese ne festeggia sessantacinque di carriera, unicum nella Pop art con un’antologica a Milano: settanta grandi dipinti e cinquanta disegni realizzati tra il 1957 e il 2023

Primo Marella Gallery dedica una personale all’artista filippino tra i più noti della sua generazione

Il direttore Angelo Crespi conferma l’inaugurazione il 7 dicembre (finalmente) di Palazzo Citterio, e annuncia che sarà allestito da Mario Cucinella. Il 2024 sarà un anno record: previsti 500mila visitatori, forse di più. Non ci sarà la passerella aerea voluta dall'ex direttore James Bradburne

In attesa della retrospettiva di Palazzo Reale, il Museo di Storia Naturale espone 22 acqueforti dell’artista nel centenario della nascita

Schifano tra New York e Milano | Ada Masoero

Schifano tra New York e Milano | Ada Masoero