di Hito Steyerl «Hell Yeah We Fuck Die» (2016. Foto: cortesia dell'artista e della Andrew Kreps Gallery, New York

Image

di Hito Steyerl «Hell Yeah We Fuck Die» (2016. Foto: cortesia dell'artista e della Andrew Kreps Gallery, New York

Robot e finestre rotte nel Castello di Rivoli

Steyerl, Malani, Spooner, Arte povera e de Chirico

Incompiuto juvarriano e intelligenza artificiale. Uno strano binomio caratterizza la personale dell’artista tedesca Hito Steyerl (1966), al Castello di Rivoli dall’1 novembre al 30 giugno. Curata da Carolyn Christov-Bakargiev e Marianna Vecellio, la mostra presenta in anteprima «The City of Broken Windows», un’installazione multimediale che mescola suono, video e intervento architettonico.

Le registrazioni alterate di suoni rappresentano il processo d’apprendimento e la percezione del pericolo da parte dell’intelligenza artificiale. L’opera indaga i limiti che separano l’emozione umana dalle capacità cognitive dei robot, prefigurando un mondo in cui essi fanno parte della nostra quotidianità. Chissà se allora saranno in grado di contrastare violenza, discriminazione e accanimento contro il genere femminile, tre temi cari all’artista indiana Nalini Malani (1946), cui il museo dedica una monografica fino al 6 gennaio.

Curata da Marcella Beccaria con una quindicina di dipinti, video, disegni, installazioni ambientali e un wall drawing inedito, la mostra è il secondo capitolo di un progetto espositivo ospitato lo scorso autunno nel Centre Pompidou di Parigi. La violenza invisibile del web e del mondo digitale è invece al centro del lavoro di Cally Spooner (1983). Vincitrice del Premio illy Present Future nella scorsa edizione di Artissima, la giovane inglese (residente ad Atene) presenta un’opera inedita dal 2 novembre a febbraio.

Fino al 31 marzo, inoltre, al Castello di Rivoli c’è una mostra fotografica sul cinquantenario della rassegna «Arte povera più azioni povere», tenutasi negli Antichi Arsenali della Repubblica ad Amalfi il 4-6 ottobre 1968. Fu promossa da Marcello Rumma e curata da Germano Celant, il critico genovese che ha coniato il termine Arte povera. È infine prorogata fino al 4 novembre la mostra «Giorgio de Chirico. Capolavori dalla Collezione di Francesco Federico Cerruti».

di Hito Steyerl «Hell Yeah We Fuck Die» (2016. Foto: cortesia dell'artista e della Andrew Kreps Gallery, New York

Jenny Dogliani, 31 ottobre 2018 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Quindici formelle realizzate ad affresco su supporti in terracotta con spolveri ottenuti da matrici ricavate da pagine di libri mangiate da tarli e pesciolini d'argento. «Accanto», il nuovo lavoro dell’artista senese entra nelle collezioni del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe nel museo di Santa Croce sull’Arno. A presentarlo una tavola rotonda per riflettere sulla grafica contemporanea e l’utilizzo di materiali della tradizione storico artistica

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Robot e finestre rotte nel Castello di Rivoli | Jenny Dogliani

Robot e finestre rotte nel Castello di Rivoli | Jenny Dogliani