«Maria con Bambino e pappagalli» (1533) di Hans Baldung Grien (particolare). © GNM. Foto: Dirk Meßberger

Image

«Maria con Bambino e pappagalli» (1533) di Hans Baldung Grien (particolare). © GNM. Foto: Dirk Meßberger

Risplende il verde di Hans Baldung Grien

Spettacolare mostra sul più grande esponente, insieme ad Albrecht Dürer e Lucas Cranach, del Rinascimento in Germania

Sessant’anni dopo la prima retrospettiva del 1959, nella stessa cornice di allora, la Staatliche Kunsthalle dedica al grande Hans Baldung (1484/85-1545) ancora una volta una spettacolare mostra: «Hans Baldung Grien: sacro | profano», dal 30 novembre all’8 marzo, con 200 opere di alta caratura, prestiti da Londra, Madrid, Vienna, Praga, Basilea, Copenaghen, Parigi, Varsavia, Firenze e New York.

Chi era costui? Gli amanti di Dürer lo conoscono bene: Hans ne fu allievo a Norimberga, dove tutti lo chiamavano Grien (dal tedesco: Grüne, «il verde»), per via del colore dei suoi abiti e delle nuance dominanti nelle sue tele. Insieme al maestro Albrecht e a Lucas Cranach è il più grande esponente del Rinascimento in Germania, eccezionale pittore, incisore e disegnatore che si contraddistinse da subito per uno stile tutto personale, oltre i goticismi e gli influssi della pittura coeva italiana, inconfondibile nel tratto potente ed espressivo e nel messaggio, sempre sensuale e oltre i limiti della decenza per il suo tempo.

Due poli opposti determinarono la sua opera: il religioso di imponenti pale d’altare col tipico motivo del nobile committente al cospetto della Sacra Famiglia, e il secolare fatto di interpretazioni moderne di miti antichi calati in un presente denso di atti sensuali, raffigurazioni del peccato e del corpo femminile che ritrasse per primo senza veli nella sua reale intimità.

Alle Madonne e Maddalene che sfondano le tele con corporeità spesso lontane dal sacro s’affiancano scene di streghe intente in espliciti sabba che mandavano in visibilio i suoi clienti umanisti.

«Maria con Bambino e pappagalli» (1533) di Hans Baldung Grien (particolare). © GNM. Foto: Dirk Meßberger

Francesca Petretto, 29 novembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Risplende il verde di Hans Baldung Grien | Francesca Petretto

Risplende il verde di Hans Baldung Grien | Francesca Petretto