«Autoanatomie», 1987, di Paolo Gioli

Image

«Autoanatomie», 1987, di Paolo Gioli

Polaroid antropomorfe

Personale di Paolo Gioli all'American Academy

La stagione 2018-19 dell’American Academy è dedicato al tema del corpo umano nel dibattito artistico dai primi anni del ’900 a oggi: dall’11 ottobre al 9 dicembre è la volta di una personale di Paolo Gioli a cura di Peter Benson Miller. Nato vicino a Rovigo nel 1942, dal 1968 Gioli utilizza il cinema, la fotografia e i video accanto a medium più tradizionali. «Anthropolaroid», il titolo della mostra, rimanda a un suo testo del 1979, ripubblicato in catalogo e per la prima volta tradotto in inglese.

Nella polaroid ha trovato lo strumento più adatto alla sua ricerca, con la fotografia istantanea che trasferisce poi su supporti diversi, soprattutto carta e seta. I suoi polaroid transfer (32 quelli in mostra datati dal 1978 al 2010, provenienti da una collezione privata e alcuni mai esposti) hanno per soggetto il corpo umano o parti di esso.

«Autoanatomie», 1987, di Paolo Gioli

Federico Castelli Gattinara, 10 ottobre 2018 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Tra Foro Romano e Palatino sono stati ritrovati i resti di una lussuosa dimora con una sala per banchetti a forma di grotta e uno straordinario mosaico impreziosito con conchiglie, vetri e tessere blu egizio

Si inizia con l’enigmatico scultore ateniese. Altre due monografiche saranno dedicate a Prassitele e a Skopas

Stéphane Verger nel chiostro di Michelangelo ha fatto eseguire interventi su sette teste di animali antiche (quattro di età adrianea e tre rinascimentali) e ne ha commissionata un’ottava a Elisabetta Benassi

Lo scavo condotto dalla Soprintendenza speciale di Roma ha riportato alla luce strutture in laterizio e un sontuoso apparato decorativo riconducibili a una committenza di altissimo rango, quasi sicuramente imperiale

Polaroid antropomorfe | Federico Castelli Gattinara

Polaroid antropomorfe | Federico Castelli Gattinara