«Senza titolo» (1979), di Pablo Atchugarry

Image

«Senza titolo» (1979), di Pablo Atchugarry

Piccolo ma monumentale: Pablo Atchugarry

Nel Palazzo delle Paure l’intera produzione dell’artista uruguaiano, dai dipinti figurativi di inizio carriera alle sculture in marmo degli ultimi decenni

Nel 1982 lo scultore uruguaiano Pablo Atchugarry (Montevideo, 1954) si trasferisce a Lecco, città divenuta il suo luogo prediletto nella Penisola già quattro anni prima, al tempo della sua prima personale in Italia dedicata ai dipinti. Proprio in quegli anni l’autore aveva iniziato a utilizzare il marmo per le sue opere (la prima fu «La Lumière» nel 1979) in luogo dei primi lavori realizzati soprattutto in cemento e argilla e preceduti appunto dai dipinti figurativi di inizio carriera, creati sotto l’influenza del padre Pedro.
IMG20230809154642355_130_130.jpeg
Un materiale, il marmo, che definisce senza dubbio la produzione degli ultimi decenni di Atchugarry, come facilmente si comprende nell’antologica «Pablo Atchugarry. Una vita tra Lecco e il mondo» (catalogo Skira), organizzata nel Palazzo delle Paure, dov’è visitabile fino al 12 novembre. Il percorso espositivo, curato dallo stesso artista in collaborazione con Alessio Gilardi, è un omaggio anzitutto alla città lariana, che dal 1999 ospita il Museo Pablo Atchugarry con l’Archivio, oltre che un’attenta analisi dell’intera produzione con opere dal 1978 al 2023. Questa si sviluppa in sale dedicate anzitutto alle prime opere pittoriche, figurative, ma in cui sono spesso evidenti i prodromi di quella cultura dell’astratto che diverrà presto la sua cifra distintiva insieme alla monumentalità anche nel piccolo formato.
IMG20230809154751346_130_130.jpeg
Ma prima del periodo maturo, a partire dal 1971, Atchugarry approfondisce il passaggio alla «plastica» attraverso, ad esempio, la scultura «Caballo», realizzata in cemento, medium a cui presto aggiunge sabbia, ferro e piombo. Ma, come si diceva, dalla fine dei Settanta e in maniera più matura dalla fine degli Ottanta data la produzione scultorea monumentale vera e convinta, realizzata in marmo, soprattutto di Carrara, oltre che in bronzo e legno: sono questi i lavori che completano il percorso espositivo a Lecco, che prevede anche la presentazioni di lavori all’aperto a completare l’ampio excursus con al centro il rapporto tra forma, materia e luce.
IMG20230809155231972_130_130.jpeg
Come dice in estrema ma efficace sintesi il critico David Anfam: «Nel modello di Atchugarry la pietra materializza la luce, la luce è vita e quest’ultima presuppone a sua volta il tempo». Sono, queste citate, le caratteristiche facilmente riconoscibili nelle sculture «piene di speranza, positive», come sostiene il critico Marco Meneguzzo. Lo può vedere direttamente il pubblico, in lavori esposti qui come i numerosi «Senza titolo» in marmo e bronzo di dimensione sia contenuta sia ampia, cui si aggiungono numerosi oli su tela della fine degli anni Settanta.

«Senza titolo» (2022), di Pablo Atchugarry

«Senza titolo» (2023), di Pablo Atchugarry

«Senza titolo» (1979), di Pablo Atchugarry

Stefano Luppi, 10 agosto 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Entrano a far parte del complesso l’Antica Spezieria di San Giovanni Evangelista, il Castello di Torrechiara a Langhirano e il Parco archeologico e antiquarium di Veleia, nel Piacentino. Dal 25 giugno biglietto unico per tutte le sedi, valido 30 giorni

Al Fmav di Modena l’artista bellunese esplora le ambiguità insite nel ruolo di dominio che l’uomo esercita sulla natura e le tensioni nella sua relazione con gli animali terrestri

Nelle due sedi dell’azienda, Porta Europa e Torre Unipol, una mostra tutta al femminile

Nel Palazzo Sums, a San Marino, una cinquantina di opere, anche recenti, dei cinque protagonisti del movimento teorizzato da Bonito Oliva e Mazzoli

Piccolo ma monumentale: Pablo Atchugarry | Stefano Luppi

Piccolo ma monumentale: Pablo Atchugarry | Stefano Luppi