«Back to Camera, Blind Brazilians» (2019) di Linda Fregni Nagler. Foto Andrea Rossetti

© Linda Fregni Nagler

Image

«Back to Camera, Blind Brazilians» (2019) di Linda Fregni Nagler. Foto Andrea Rossetti

© Linda Fregni Nagler

Nagler e il patrimonio tedesco

Temi e modi del passato si confrontano con il presente negli scatti della fotografa italiana

Linda Fregni Nagler (Stoccolma, 1976) è un’artista, fotografa e accademica italiana il cui ambito di interesse spazia dalla teoria alla materialità dell’immagine fotografica, dalla storia della fotografia allo studio delle convenzioni iconografiche e dei cliché visivi, dall’immagine anonima e vernacolare all’appropriazione come pratica artistica contemporanea. Il Museum für Kunst und Gewerbe/MK&G ne ospita fino al 7.1.2024 la prima personale in terra tedesca, «Linda Fregni Nagler. Riorganizzare la fotografia: la messa in scena dello sguardo», quinto capitolo di una serie di mostre intitolate «Reordering Photography» in cui artiste/i e studiose/i sono invitati a confrontarsi col suo patrimonio storico.

Così la fotografa, milanese d’adozione, nota in Italia soprattutto per la sua partecipazione alla Biennale di Venezia del 2013 con la serie intitolata «The Hidden Mother» e per la personale al MAXXI di Roma l’anno seguente, torna su uno dei suoi temi prediletti di ricerca: quello del guardare ed essere guardate in quanto donne, da sempre succubi, anche nell’arte, di strutture di potere tradizionali, corpi mercificati e/o spogliati o nascosti a seconda della prospettiva del fotografo.

Linda Fregni Nagler riattiva nella sua pratica artistica fotografie storiche, modificandole e attualizzandole al nostro tempo, trasferendo nel presente temi e modi del passato, come appunto quello della rappresentazione delle donne o di altre minoranze. Negli accostamenti di immagini della collezione, è interessata soprattutto al prestigio, agli aspetti di invisibilità e alla misteriosità dei soggetti delle immagini, come nel gruppo dei «Brasiliani ciechi» ad inizio mostra, o in quello delle donne velate peruviane con la «Tapada Limeña», spunto per riflessioni sulla società del XIX secolo.

Francesca Petretto, 03 agosto 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Accordo storico tra Ministero, Stati federali e autorità locali: i beni saccheggiati dai nazisti potranno essere pretesi senza prescrizione di tempo e anche senza il consenso dei musei

Oltre 450 pezzi raccontano in tre musei la verità sui rapporti tra la più importante scuola d’avanguardia del XX secolo e il nazismo 

Nella Berlinische Galerie l’artista franco-algerino diffonde «un desiderio di pacifismo e di consapevolezza democratica per evitare che i nostri governanti ci trascinino in un’altra guerra

Un’artista di punta della Performance art trasforma l’Historische Halle dell’Hamburger Bahnhof in un paesaggio vivente 

Nagler e il patrimonio tedesco | Francesca Petretto

Nagler e il patrimonio tedesco | Francesca Petretto