«Bernauer Strasse, Berlin» (1990) di Sibylle Bergemann. © Estate Sibylle Bergemann; Ostkreuz, Cortesia di Loock, Berlino

Image

«Bernauer Strasse, Berlin» (1990) di Sibylle Bergemann. © Estate Sibylle Bergemann; Ostkreuz, Cortesia di Loock, Berlino

Morire di muri

Al Gropius Bau un tema di drammatica attualità

Innegabilmente il tema del muro, frontiera/barriera che esclude, così presente nel nostro tempo, ricorre molto anche in esposizioni, installazioni e opere d’arte. In Germania, dopo che il Padiglione nazionale all’ultima Biennale di Architettura di Venezia ne ha fatto argomento della propria partecipazione, e alle soglie del 30mo anniversario della caduta del Muro di Berlino, la sensibilità mostrata in scrittura e curatela di importanti mostre di respiro internazionale è giocoforza particolarmente alta.

Così anche questa imminente «Durch Mauern gehen» («Attraversare i muri»), collettiva a cura di Till Fellrath e Sam Bardaouil organizzata al Gropius Bau e aperta al pubblico dal 12 settembre al 19 gennaio, non disdegna di cimentarsi con uno degli argomenti più sentiti dalla scena artistica anzitutto berlinese e poi, per estensione, tedesca.

La partecipazione è assolutamente internazionale, con opere di Jose Dávila, Mona Hatoum, Nadia Kaabi-Linke, Christian Odzuck, Anri Sala, Regina Silveira e altri artisti del panorama contemporaneo che proprio qui al Gropius Bau sono chiamati a confrontarsi con uno dei siti cittadini più ricchi di memorie del Muro della Ddr, in una posizione dunque nel bene o nel male privilegiata, e a esprimersi sul tema delle barriere, delle separazioni e dei confini artificiali creati dall’uomo.

Alcuni di loro hanno sperimentato il trauma dell’esclusione e la convivenza in società divise: nel contesto del trentesimo anniversario del «Mauerfall» (la caduta del Muro, il 9 novembre 1989) e della conseguente riunificazione tedesca, «Durch Mauern gehen» vuole sensibilizzare il pubblico su aberrazioni che paiono diventate normalità accettata, descrivendo come i muri possano spingere a sentimenti di vulnerabilità e ansia in chi li subisce, rappresentando identità individuali e collettive.

«Bernauer Strasse, Berlin» (1990) di Sibylle Bergemann. © Estate Sibylle Bergemann; Ostkreuz, Cortesia di Loock, Berlino

Francesca Petretto, 11 settembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Morire di muri | Francesca Petretto

Morire di muri | Francesca Petretto