«Jóvenes pioneros en la Unión Soviética», 1932 ca, di Tina Modotti

Image

«Jóvenes pioneros en la Unión Soviética», 1932 ca, di Tina Modotti

Lo sguardo sensuale di Tina Modotti

Al Centro Saint-Bénin 120 scatti della fotografa, contraddistinti dalla sua sapienza tecnica e compositiva, documentano le condizioni di vita delle classi lavoratrici

Icona della militanza politica e dell’attivismo protofemminista, la grande fotografa Tina Modotti (Udine, 1896-Città del Messico, 1942), dopo la tardiva «riscoperta», negli anni Settanta è riuscita ad affermarsi per il suo autentico talento d’artista piuttosto che per le sue vicende biografiche romanzesche e anticonformiste, tanto pubbliche quanto private (donna bellissima, nel 1920 fu anche, brevemente, attrice a Hollywood ed ebbe una vita sentimentale decisamente audace per i tempi).

Sulla sua grande qualità fotografica è incentrata la mostra «Tina Modotti: La genesi di uno sguardo moderno», curata per il Centro Saint-Bénin da Dominique Lora in collaborazione con Daria Jorioz.

Dall’11 novembre al 12 marzo, 120 sue fotografie originali, giunte dall’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia e dalla Fototeca Nazionale di Città del Messico, testimoniano il suo sguardo sulle condizioni di vita delle classi lavoratrici, partecipe e appassionato sì, ma sempre sorretto da una sapienza tecnica e compositiva che la inserisce a pieno titolo nelle correnti dell’avanguardia e che fa dei suoi scatti non solo dei documenti storici e sociologici ma anche delle prove di un modo inedito, volutamente «ruvido» (ma spesso anche arditamente sensuale) di rappresentare quella realtà che i suoi maestri e il suo stesso compagno e mentore della gioventù, Edward Weston, spesso tendevano a idealizzare. Diventando così, a sua volta, maestra e modello per le generazioni successive di fotografi e fotografe messicani.

«Jóvenes pioneros en la Unión Soviética», 1932 ca, di Tina Modotti

Ada Masoero, 09 novembre 2022 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

In Triennale Milano una grande mostra con oltre 400 lavori dell’architetto, designer, artista, critico e direttore di riviste, curata da Fulvio Irace

Presentata a Milano la nuova grande installazione site specific di Michelangelo Pistoletto che inaugurerà il 18 aprile a Venezia il nuovo spazio Sanlorenzo Arts

Opere di artisti di assoluto rilievo del secolo scorso compongono un percorso eterogeneo nello spazio milanese della galleria 

Lo sguardo sensuale di Tina Modotti | Ada Masoero

Lo sguardo sensuale di Tina Modotti | Ada Masoero