«Untitled» (1980), di Louise Nevelson

Image

«Untitled» (1980), di Louise Nevelson

Le riflessioni sulle avanguardie storiche di Louise Nevelson

La galleria Spazia ospita collages e piccole plastiche della scultrice ucraina degli anni Settanta e Ottanta

Dopo la recente mostra a Venezia, alle Procuratie Vecchie alla quale si è aggiunta nello stesso periodo la partecipazione alla 59esima Biennale di Venezia, la grande scultrice ucraina Louise Nevelson (nata Leah Berliawsky a Pereiaslav, Kiev 1899-1988) ritorna protagonista in Italia, alla Galleria Spazia con la rassegna «Collages e Sculture», visibile dal 6 maggio al 21 luglio.

Per l’occasione sono esposti collages e piccole plastiche degli anni ’70 e ’80, in cui risulta evidente il rapporto indissolubile tra pittura e scultura. Le opere, nate assemblando oggetti di scarto, soddisfano una delle convinzioni dell’autrice: «Il mio lavoro è delicato; può sembrare vigoroso, ma è delicato. La vera forma è delicata. In esso c’è tutta la mia vita, e tutta la mia vita è femminile».

Con uno sguardo rivolto allo spazio, alla sperimentazione, alle combinazioni dei materiali poveri, legno grezzo, metallo, cartone, carta vetrata, pellicola di alluminio, Nevelson ha realizzato assemblaggi e collages intrisi di legami e riflessioni sulle avanguardie storiche, dal Cubismo al Costruttivismo. Si pensi ad esempio, tra le sculture, a «senza titolo» del 1980, scelto come immagine simbolo della mostra, oppure ad altri legni dipinti di nero di poco precedenti. Molti anche i collages, «cartoncini» con pittura e legno su tavola tra cui l’opera più datata qui esposta è un «senza titolo», di carta e metallo su tavola, del 1973.

«Untitled» (1980), di Louise Nevelson

Stefano Luppi, 04 maggio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dall’8 al 14 luglio la sesta edizione della Art Nouveau Week consente la visita di centinaia di luoghi abitualmente chiusi al pubblico

La mostra in corso a Ferrara imbastisce un lungo racconto del XX secolo dal punto di vista sia della storia sia dell’arte sia degli aspetti di vita quotidiana delle comunità italiane

I due simboli di Bologna sono in fase di urgenza, di messa in sicurezza. L’attuazione del progetto di consolidamento e restauro, pronto per l’estate, richiederà 20 milioni di euro e 10 anni di lavori

Nuovi spazi per il Museo Civico, una sala mostre (ora con Franco Fontana), il percorso storico «Avia Pervia» (multimediale e permanente motto). Intanto è in corso il cantiere per l’ampliamento delle Gallerie Estensi

Le riflessioni sulle avanguardie storiche di Louise Nevelson | Stefano Luppi

Le riflessioni sulle avanguardie storiche di Louise Nevelson | Stefano Luppi