«In My Hand» (2019) di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Foto di Francesco Allegretto. Cortesia dell’artista e di Mitchell-Innes & Nash, New York

Image

«In My Hand» (2019) di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Foto di Francesco Allegretto. Cortesia dell’artista e di Mitchell-Innes & Nash, New York

Le destrutturazioni della Bonvicini a Bielefeld

Lavori vecchi e nuovi dell'artista veneziana nella Kunsthalle

«La Kunsthalle Bielefeld è lieta di annunciare la personale di Monica Bonvicini “Lover’s Material” e con questa inaugurare la nuova gestione della Casa da parte di Christina Végh». Con questo entusiastico messaggio si apre la nuova stagione espositiva post chiusura Covid dell’istituzione museale in Renania Settentrionale-Westfalia.

Protagonista è l’artista veneziana Monica Bonvicini, da tempo residente a Berlino, molto rinomata a livello internazionale per i suoi lavori, soprattutto installazioni specifiche per i locali espositivi che le ospitano, che hanno come tema prevalente la critica delle istituzioni, l’esercizio del controllo e del potere, le relazioni di genere e il femminismo. La Bonvicini si diverte a destrutturare gli spazi, a smontare le strutture architettoniche, mettendole intimamente in discussione.

La mostra «Monica Bonvicini. Lover’s Material» (dal 10 ottobre al 10 gennaio) prende il nome e muove i passi da una definizione che l’autore Franz Schulze dà, nella sua biografia di Philip Johnson, alla relazione tra il celebre architetto americano e il suo compagno Jon Stroup: quest’ultimo vi è descritto come «comodamente passivo».

La Bonvicini ragiona su quelle due parole per creare le opere di questa personale: per lei quella definizione oggettiva e di fatto razionalizza la relazione fra i due, non solo in termini erotico-sentimentali. Questa logica diventa punto di partenza per approfondire nella mostra i rapporti privati, economici e politici, che sussistono in analoghe relazioni, che legano, per esempio, l’artista agli spazi espositivi, ai visitatori della mostra, ai dipendenti del museo.

Si creano delle dipendenze? Dei giochi di ruolo come fra partner? E se sì, come esprimerli? In mostra molte nuove opere e alcuni vecchi lavori.

«In My Hand» (2019) di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Foto di Francesco Allegretto. Cortesia dell’artista e di Mitchell-Innes & Nash, New York

Francesca Petretto, 09 ottobre 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Le destrutturazioni della Bonvicini a Bielefeld | Francesca Petretto

Le destrutturazioni della Bonvicini a Bielefeld | Francesca Petretto