«Empty Box» (2019), di Giulia Parlato

Image

«Empty Box» (2019), di Giulia Parlato

La ricerca di Parlato sulla fotografia

La giovane autrice palermitana alla Triennale mette in discussione il ruolo storico di questo medium come documento di verità

Dal 10 febbraio al 26 marzo la Triennale presenta il progetto «Diachronicles» con cui Giulia Parlato (Palermo, 1993, vive tra Londra e la sua città) ha vinto il Premio Giovane Fotografia Italiana | Luigi Ghirri 2022, promosso dal Comune di Reggio Emilia con Triennale Milano e Gai.

Molte immagini esposte s’intitolano «Evidence», parola inglese con cui si indica la «prova» in campo forense: fotografie immerse in un tempo sospeso da cui emergono frammenti del passato che offrono molteplici spunti su cui riflettere per tentare di decifrarne il significato. Tocca all’osservatore ricomporre gli indizi, deliberatamente confusi, forniti dall’artista, mimando la ricerca condotta dagli studiosi (specialmente archeologi) per significare oggetti all’apparenza privi di significato.

Al centro del suo lavoro ci sono, spiegava Parlato in una recente intervista, «l’assenza di memoria e le problematiche di una ricostruzione, per così dire, oggettiva della storia». Il fantastico, al contrario, s’insinua dalle «crepe» lasciate volutamente aperte dall’artista, che non a caso s’impossessa talora di reperti tratti dai depositi dei musei, contraffatti o tanto frammentari da essere inconoscibili, e su essi costruisce una storia verosimile (ma non necessariamente vera).

La personale nella Triennale rende evidente la natura di questa ricerca, che investe gli statuti stessi del medium fotografico (oltre che dei musei e della storiografia) e mette in crisi il ruolo storico della fotografia come documento di verità.

«Empty Box» (2019), di Giulia Parlato

Ada Masoero, 08 febbraio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel museo di Salò una cinquantina di opere della prima metà del ’900 da Sironi a Dudreville e Casorati, fino agli austriaci Josef Dobrowsky e Koloman Moser

Alla videoinstallazione ambientale dell’artista afro-caraibica nel Palazzo della Ragione si affiancano progetti di altri artisti diffusi nelle aree verdi del territorio 

Il fascino e la dualità di Giano-Culsans hanno ispirato il cortonese Gino Severini e molti altri artisti del Novecento

Le opere dell’artista sotto pseudonimo (nel quotidiano Stefano Simontacchi) ora in mostra al Consolato generale d’Italia di New York

La ricerca di Parlato sulla fotografia | Ada Masoero

La ricerca di Parlato sulla fotografia | Ada Masoero