Una veduta della mostra di Italo Zuffi al MAMbo

Image

Una veduta della mostra di Italo Zuffi al MAMbo

Italo Zuffi tra banca e museo

La ricerca del noto artista emiliano è ripercorsa attraverso una cinquantina di lavori, dagli esordi al 2020, divisi in nuclei tematici

Le riflessioni su corpo e scultura di Italo Zuffi (Imola, 1969), artista tra i più noti della sua generazione, proseguono nella personale «Fronte e retro», a cura di Lorenzo Balbi e Davide Ferri al MAMbo fino al 15 maggio e, con un’appendice di nuove opere, nella Banca di Bologna-Palazzo De’ Toschi dal 12 al 29 maggio, dove Zuffi si concentra sul rapporto tra spazio e scultura, intesa sia come riproduzione sia come messa in discussione di una forma attraverso intrusioni e frammentazioni.

La ricerca recente di Zuffi indaga inoltre la parola, sia in forma poetica (come in Poesie Doppie, raccolta di brevi testi dell’artista scritti tra il 2013 e 2014 editi da Sete) sia come elemento da cui si genera la scultura. La personale al MAMbo, diretto da Lorenzo Balbi e riconfermato per il secondo mandato, comprende circa 50 lavori dagli esordi al 2020, divisi in nuclei tematici: la distruzione e la caduta, la dispersione di energie, la mollezza contrapposta alla rigidità, la fragilità alla competizione.

Tra i lavori esposti due video di inizio carriera: «The Reminder», immagine di un corpo che si tende e irrigidisce fino al limite delle sue possibilità, e «Perimetro», con un corpo che cerca di stabilire la sua relazione con lo spazio generando un senso di attesa. Tra le sculture «Scomposizioni» e «Osservatori», e una serie di cavalletti per evocare l’idea di work in progress.

Spazio anche alla riflessione sui meccanismi del potere nel sistema dell’arte contemporanea. Il catalogo-monografia a cura di Caterina Molteni (Corraini Edizioni) viene presentato domenica 15 maggio alle 16 ad Arte Fiera. Nella Project Room del museo, invece, fino al 4 ottobre, «No, Neon, No Cry», a cura di Gino Gianuizzi, è un'iniziativa dedicata alla galleria Neon, fondata nel 1981 e illustrata nel documentario «Neon 1981-2011» di Emanuele Angiuli. Intorno alla Neon gravitavano giovani artisti come Eva Marisaldi e Maurizio Cattelan.

Una veduta della mostra di Italo Zuffi al MAMbo

Stefano Luppi, 03 maggio 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dall’8 al 14 luglio la sesta edizione della Art Nouveau Week consente la visita di centinaia di luoghi abitualmente chiusi al pubblico

La mostra in corso a Ferrara imbastisce un lungo racconto del XX secolo dal punto di vista sia della storia sia dell’arte sia degli aspetti di vita quotidiana delle comunità italiane

I due simboli di Bologna sono in fase di urgenza, di messa in sicurezza. L’attuazione del progetto di consolidamento e restauro, pronto per l’estate, richiederà 20 milioni di euro e 10 anni di lavori

Nuovi spazi per il Museo Civico, una sala mostre (ora con Franco Fontana), il percorso storico «Avia Pervia» (multimediale e permanente motto). Intanto è in corso il cantiere per l’ampliamento delle Gallerie Estensi

Italo Zuffi tra banca e museo | Stefano Luppi

Italo Zuffi tra banca e museo | Stefano Luppi