Image

Il collettivismo fotografico

In occasione del quindicesimo compleanno, il Foam propone una serie di iniziative attorno al tema della collaborazione, metodo di lavoro e perno delle sue attività, che negli anni hanno contribuito allo sviluppo e diffusione della fotografia a livello internazionale.


Lo fa a partire da «Collectivism. Collectives and their quest for value» (fino al 18 giugno), una mostra dedicata alle esperienze di alcuni collettivi nati in anni recenti a margine delle realtà istituzionali con l’obiettivo di esplorare, in modo interdisciplinare e sperimentale, i processi di diffusione, distribuzione e socializzazione legati al mondo dell’immagine e del suo utilizzo nell’era della sua digitalizzazione.


Si tratta di 8Ball Community, Dead Darlings, #Dysturb, The Eternal Internet Brotherhood/Sisterhood, De Fotokopie, Invisible Borders, e Werker Magazine. q Ilaria Speri

Ilaria Speri, 12 maggio 2017 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L'interesse del fotografo per il paesaggio coinvolge sempre più tematiche ambientali, come il rapporto tra turismo di massa e natura

La quarta biennale di fotografia si articola in oltre venti mostre e proiezioni

Oltre 170 scatti e cimeli danno vita a un percorso attraverso luoghi e oggetti, strade e personaggi, piaceri, ritratti, ma anche artisti, scrittori e amici

Prima personale del fotografo e regista americano, classe 1995

Il collettivismo fotografico | Ilaria Speri

Il collettivismo fotografico | Ilaria Speri