Mimmo Paladino davanti alla sua opera del 2022 «Treno» (particolare). Cortesia dell’artista e della Galleria Christian Stein, Milano. Foto: Leandro Ianniello

Image

Mimmo Paladino davanti alla sua opera del 2022 «Treno» (particolare). Cortesia dell’artista e della Galleria Christian Stein, Milano. Foto: Leandro Ianniello

I nuovi archetipi di Paladino

Da Christian Stein il maestro della Transavanguardia presenta opere dal messaggio sempre più universale

Sei nuove opere, una delle quali di grandi dimensioni (intitolata curiosamente «Treno», forse per il formato allungato, perché null’altro sembra accomunarla a questo simbolo della «modernità»), compongono la nuova personale di Mimmo Paladino (Paduli, 1948) da Christian Stein, che si apre dal 23 febbraio fino al 13 maggio, a quattro anni dall’ultima, del 2019.

I lavori esposti sono riuniti intorno al gigantesco «telero» in cui l’artista ha realizzato una composizione abitata da segni ancestrali: ieratici simulacri umani che sembrano emergere, carbonizzati, da chissà quale scavo archeologico e che, poggiando su basamenti, rivelano la loro natura di idoli; teste stilizzate viste di nuca o di profilo; strane forme che paiono modelli da sartoria, e due nerissimi cerchi che, mentre rendono omaggio a Malevic, donano equilibrio alle forme bidimensionali disposte in un ordinamento rigorosamente paratattico, privo di qualunque gerarchia.

Forme archetipe, in bilico tra il mondo dei vivi e quello dei morti, che, con i loro colori primordiali (bianco, nero, ocra), salgono alla luce dalle profondità del tempo. Attingono al grande serbatoio delle più antiche culture fiorite intorno al Mediterraneo, da quella egizia (come suggerisce Sergio Risaliti nel suo testo, che pone con forza l’accento sulla «funzione magica e sacrale» dell’arte delle origini) a quella, fiera e feroce, del Sannio, cui Paladino per nascita appartiene.

Ed è certo grazie a questa sua connessione innata con il nostro passato più arcaico che Paladino sa raggiungere l’universalità del messaggio che fa di un artista un grande artista. Con quest’opera sono esposti altri cinque lavori di minori dimensioni, attraversati però da quell’identica tensione che conduce anch’essi (è ancora Risaliti a parlare) nello «spazio del sacro».

Mimmo Paladino davanti alla sua opera del 2022 «Treno» (particolare). Cortesia dell’artista e della Galleria Christian Stein, Milano. Foto: Leandro Ianniello

«Treno» (2022), di Mimmo Paladino. Cortesia dell’artista e della Galleria Christian Stein Milano. Foto: Peppe Avallone

Ada Masoero, 22 febbraio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

«Faremo incontrare impresa, università e museo, perché la Carrara sia un laboratorio», spiega la nuova direttrice dell’Accademia bergamasca, per otto anni alla guida delle Gallerie Estensi

Nel museo di Salò una cinquantina di opere della prima metà del ’900 da Sironi a Dudreville e Casorati, fino agli austriaci Josef Dobrowsky e Koloman Moser

Alla videoinstallazione ambientale dell’artista afro-caraibica nel Palazzo della Ragione si affiancano progetti di altri artisti diffusi nelle aree verdi del territorio 

Il fascino e la dualità di Giano-Culsans hanno ispirato il cortonese Gino Severini e molti altri artisti del Novecento

I nuovi archetipi di Paladino | Ada Masoero

I nuovi archetipi di Paladino | Ada Masoero