Netsuke con due artigiani intenti a creare una maschera da Tengu, seconda metà XIX secolo

Image

Netsuke con due artigiani intenti a creare una maschera da Tengu, seconda metà XIX secolo

Gli Yokai, i mostri e le streghe giapponesi

Oltre 200 opere tra grafiche, libri, armi, abiti e netsuke a Palazzo Pallavicini conducono il visitatore in un percorso in questo immaginario della mitologia nipponica

Il mondo dei demoni giapponesi è al centro di una mostra allestita a Palazzo Pallavicini dal 7 aprile al 23 luglio (a cura di Paolo Linetti). «Yokai. Le antiche stampe dei mostri giapponesi» (catalogo Skira) propone, attraverso oltre 200 opere del XVIII e XIX secolo tra cui grafica, libri rari, abiti, armi, un’armatura samurai, 77 netsuke (le celebri piccole sculture al centro del libro Un’eredità di avorio e ambra di Edmund De Waal), un excursus in questo immaginario della mitologia nipponica, ancora centrale nella produzione di manga e videogiochi.

Nella lingua del Sol Levante il termine «Yokai», composto da «yo» («stregoneria») e «kai» («apparizione misteriosa»), racchiude creature magiche, spaventose, dall’aspetto animalesco o inquietante, ma anche esseri benevolenti che nel corso della notte escono allo scoperto e incidono nelle paure ataviche degli umani.

Tutto ciò è presente nella mostra che si apre con il rituale delle 100 candele degli antichi samurai. Qui, in uno spazio immersivo, si riproduce quella prova di coraggio che lega l’oscurità via via sempre maggiore a storie di yokai sempre più spaventose e il visitatore può vedere numerosi libri antichi che riproducono questa tradizione secondo i diversi stili di Tsukiyoka Yoshitoshi, ultimo grande maestro dell’Ukiyo-e, Kuniyoshi Utagawa, Chikanobu Yoshu, Kyosai Kawanabe e Kunisada.

Il percorso si completa con un’ampia gamma di xilografie di Hokusai, del quale vengono proposti alcuni dei notissimi quaderni manga, e di altri tre importanti maestri della scuola «Utagawa», Hiroshige, Kunisada e Kuniyoshi.

Netsuke con due artigiani intenti a creare una maschera da Tengu, seconda metà XIX secolo

Stefano Luppi, 06 aprile 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Il museo modenese ha ricevuto in donazione una selezione di sculture dal celebre soprano e dal marito, il regista d’opera, di professione farmacista, Franco Guandalini

In autunno, nei palazzi Albergati e Pallavicini, distanti 900 metri, sono previste, pressoché contemporaneamente, due mostre sul pittore

41 saggi illustrano il tema a partire dal contesto storico e religioso di Piacenza medievale per passare all’analisi del periodo della costruzione della chiesa, del contesto urbanistico e della figura del vescovo Aldo

Luogo d’incontro, studio, scambio di saperi e conoscenze, «Restauro», il Salone Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali, è anche un omaggio a una professione che merita il giusto riconoscimento. La XXIX edizione si tiene dal 15 al 17 maggio presso Ferrara Expo

Gli Yokai, i mostri e le streghe giapponesi | Stefano Luppi

Gli Yokai, i mostri e le streghe giapponesi | Stefano Luppi