Lo stand di Kauffman Repetto nell’edizione 2022 di Frieze Los Angeles. Foto: Casey Kelbaugh. Cortesia Casey Kelbaugh/Frieze

Image

Lo stand di Kauffman Repetto nell’edizione 2022 di Frieze Los Angeles. Foto: Casey Kelbaugh. Cortesia Casey Kelbaugh/Frieze

Frieze americana in aeroporto

La fiera occupa quest’anno lo scalo di Santa Monica, con allestimento dello studio Why dell’architetto di origine thailandese Kulapat Yantrasast

Frieze Los Angeles, lanciata nel 2019, per l’edizione 2023, dal 16 al 19 febbraio, si regala una nuova sede. Allo scopo di ampliare la propria proposta a 120 gallerie di 22 Paesi del mondo, la fiera occupa quest’anno l’aeroporto di Santa Monica, sempre con allestimento dello studio Why dell’architetto di origine thailandese Kulapat Yantrasast. «La nuova sede ci offre tantissimo, afferma Christine Messineo, direttrice di Frieze America, consentendoci di attivare ambiziose collaborazioni con artisti, gallerie e organizzazioni non profit. Naturalmente non dimentichiamo di coinvolgere l’intera città, celebrando grazie ai “Frieze Projects” le comunità creative locali».

Un’anteprima della fiera è intanto offerta, dal 9 febbraio, dall’iniziativa digitale Frieze Viewing Room. Grande protagonista appare quest’anno l’arte del XX secolo rappresentata da 20 gallerie. Appare ben documentata la scena italiana, proposta, tra le altre, da Robilant+Voena, Mazzoleni e Tornabuoni Arte. I pionieri americani sono invece al centro della ricerca di gallerie come Berggruen di San Francisco, Marianne Boesky di New York e L.A. Louver di Los Angeles.

Alle gallerie statunitensi con meno di 12 anni di vita specializzate in questo particolare settore è del resto dedicata la sezione Focus, curata da Amanda Hunt del Walker Art Center di Minneapolis affiancata da Sonya Tamaddon. Il programma curato, Frieze Projects, chiama invece a collaborare Art Production Fund e Jay Ezra Nayssan, fondatore e direttore di Del Vaz Projects. Un significativo ritorno è quello del Frieze Impact Prize, realizzato con l’organizzazione no profit Define American allo scopo di promuovere un approccio meno pregiudiziale al tema dell’immigrazione, e del Deutsche Bank Frieze Los Angeles Film Award, dedicato ai registi emergenti.

Lo stand di Kauffman Repetto nell’edizione 2022 di Frieze Los Angeles. Foto: Casey Kelbaugh. Cortesia Casey Kelbaugh/Frieze

Elena Franzoia, 16 febbraio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel centenario dell’American Wing del museo newyorkese, esposte le opere dell’artista nativa Dakota

La collabrazione tra Scuola Normale e Fondazione Pisa ha reso possibile il progetto di valorizzazione dello splendido palcoscenico manierista: i palazzi diventano accessibili al pubblico e un sito racconta i personaggi che nei secoli li hanno abitati

150 opere delle collezioni del museo olandese vengono rilette in un ampio progetto di inclusione che vuole valorizzare le narrazioni femminili e quelle delle minoranze culturali ed etniche

L’intervento sul capolavoro del Primo Rinascimento in marmo e bronzo dorato, frutto della collaborazione di Donatello, Jacopo della Quercia, Giovanni di Turino e Lorenzo Ghiberti, ha richiesto la sinergia tra esperti dell’Opera della Metropolitana di Siena e dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Frieze americana in aeroporto | Elena Franzoia

Frieze americana in aeroporto | Elena Franzoia