«Cigni dell’Havel» di Peer Oliver Nau. © Peer Oliver Nau

Image

«Cigni dell’Havel» di Peer Oliver Nau. © Peer Oliver Nau

A Schloss Sacrow ogni stanza una poesia

Nelle stanze del castello 12 artisti commentano le poesie dello scrittore tedesco Theodor Fontane a 200 anni dalla nascita

Piccolo gioiello di architettura settecentesca, Schloss Sacrow si trasforma per l’estate in museo e inaugura la stagione, insieme ai consueti concerti nel verde, con una mostra per celebrare i 200 anni dello scrittore tedesco-ugonotto Theodor Fontane (1819-98).

Dal 20 luglio al 22 settembre, «Zurück ins Ratzenloch - 200 Jahre Theodor Fontane» chiama 12 artisti a commentare 12 poesie dell’autore di Effi Briest, ridisegnando 12 stanze del castello al motto di: «12 stanze-12 artisti-12 poesie. Suono-immagine-parola-segno».

I 12 artisti prescelti sono Katrin von Lehmann, Sibylle von Preußen, Moritz Götze, Serkan Sarier, Karen Bartram, Marion Fink, Luzia Simons, Peer Oliver Nau, Grita Götze, Anna Vonnemann, Jörg Mandernach e Rainer Ehrt. A ciascuno di loro è stata consegnata una singola lirica che ha potuto a sua volta interpretare scegliendo liberamente il medium prediletto. Un esperimento di opera d’arte totale, polifonica e in piccola scala.

«Cigni dell’Havel» di Peer Oliver Nau. © Peer Oliver Nau

Francesca Petretto, 12 luglio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Installazioni, fotografie e neon dell’artista israeliana, protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia, in mostra a Brema

A Schloss Sacrow ogni stanza una poesia | Francesca Petretto

A Schloss Sacrow ogni stanza una poesia | Francesca Petretto