«La Musa, L’Avana» (2019), di Leysis Quesada Vera

Cortesia di Freundeskreis Willy-Brandt-Haus (FkWBH), Berlino, 2024

Image

«La Musa, L’Avana» (2019), di Leysis Quesada Vera

Cortesia di Freundeskreis Willy-Brandt-Haus (FkWBH), Berlino, 2024

Scatti cubani nella Willy-Brandt-Haus

Le nuove generazioni di fotografi originari del centro America puntano l’obiettivo sul «qui ed ora»

Il Freundeskreis/Circolo di amici della Willy-Brandt-Haus (la spettacolare architettura in vetro sede del partito socialdemocratico tedesco-SPD a Kreuzberg) presenta fino al 2 giugno 2024 una mostra della Fondazione Michael Horbach intitolata «La nuova generazione di fotografe e fotografi cubani» curata dall’omonimo Michael Horbach e resa possibile anche grazie al prezioso supporto di PiB-Photography in Berlin e di Verwaltungsgesellschaft Bürohaus Berlin

Le fotografie di questa nuova generazione di esponenti della fotografia cubana riguardano principalmente la vita concreta nel «qui e adesso», con il grande collettivo nazionale che rispetto alla tradizione del tempo passato slitta in secondo piano. Il presente delle e dei più giovani fotografi attivi nell’isola caraibica si palesa in immagini di catastrofi climatiche (se ne sono avute molte e di notevoli dimensioni negli ultimi anni), delle loro conseguenze sulla vita quotidiana in città e nella provincia e della drammatica esperienza fatta dalla popolazione cubana durante il periodo più nero dell’epidemia di Coronavirus. 

Tre serie in mostra raccontano come ci si sia ripiegati sulla piccola cellula familiare e nelle proprie singole abitazioni, insolitamente lontano dalla vita pubblica e per le strade della capitale, come si sia dovuta reinventare di conseguenza la convivenza in famiglia, come si sia gestita questa nuova solitudine, e anche la realtà sociale immediata della vita quotidiana all’Avana di oggi; altre serie di fotografie sono invece dedicate al passato e portano il pubblico alla scoperta delle radici familiari e di ulteriori, interessanti introflessioni

Il curatore Michael Horbach commenta così la mostra: «Sebbene anche questa nuova generazione di fotografe e fotografi artistici a Cuba riprenda le idee visive dei fotografi cubani delle precedenti, vuole anche svilupparle ulteriormente, concentrandosi soprattutto sulla complessa realtà della vita quotidiana sul campo. Questa mostra forma quindi una sintesi visiva molto completa e armoniosa tra il passato, il presente e il futuro della fotografia cubana». Tra i nomi delle artiste e degli artisti in mostra figurano quelli di Daylene Rodríguez Moreno (Matanzas, Cuba,  1978), Leysis Quesada Vera (Cienfuegos, Cuba, 1973), Manuel Almenares (L’Avana, 1992), Alfredo Sarabia Junior (Ciudad de La Habana, 1986) e del loro maestro Alfredo Sarabia Dominguez (Sénior), indiscusso modello di riferimento e nome di spicco della Collezione Horbach.

Dalla serie «La fiesta, Sierra Maestra» (2016), di Alfredo Sarabia Junior. Cortesia di Freundeskreis Willy-Brandt-Haus (FkWBH), Berlino, 2024

Francesca Petretto, 15 aprile 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Scatti cubani nella Willy-Brandt-Haus | Francesca Petretto

Scatti cubani nella Willy-Brandt-Haus | Francesca Petretto