Installation view della mostra «Stranger things» alla Patricia Low Contemporary

Cortesia di Patricia Low Contemporary. Foto Thomas Bakos.

Image

Installation view della mostra «Stranger things» alla Patricia Low Contemporary

Cortesia di Patricia Low Contemporary. Foto Thomas Bakos.

Lo storyboard al femminile di Xenia Hausner

La galleria svizzera, da un anno anche «veneziana», ospita in laguna la personale della pittrice austriaca che ama raccontare attraverso le donne un mondo in continua transizione 

«Double Dip» di Xenia Hausner. ©Studio Xenia Hausner. Foto Sandro E Zanzinger

Da Patricia Low Contemporary, galleria che si affaccia sul Canal Grande, al piano terra di Palazzo Contarini Michiel, tra Ca’ Rezzonico e Palazzetto Stern, va in scena un racconto pittorico che focalizza l’attenzione sui suoi protagonisti. I quadri presenti in mostra infatti rappresentano situazioni e azioni catturate da punti di vista diversi, quasi il pennello facesse le veci di un obiettivo fotografico, cronache moderne che sfuggono a una narrazione lineare e che evocano quanto Jean Starobinski diceva a proposito delle composizioni di Balthus: succede sempre qualcosa. Eppure, quel qualcosa sfugge proprio quando si è pensato di aver capito il fil rouge della scena, quando si è creduto che il gioco di mani, sguardi e pose abbia un significato.

L’elemento straniante insomma è dietro l’angolo e forse è proprio questo il connettore tra le opere di Xenia Hausner. Viennese, classe 1951, l’artista, che ha studiato scenografia all’Accademia di Belle Arti di Vienna e alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra (ha lavorato come scenografa per gran parte della sua carriera), dipinge dagli anni Novanta partecipando a rassegne in tutto il mondo, dall’Albertina di Vienna al Museo Franz Gertsch di Burgdorf, da Palazzo Franchetti a Venezia, in concomitanza con la 57a Biennale, al Museo d'Arte di Shanghai e alla Galleria Tretyakov di Mosca.

«Stranger Things» di Xenia Hausner.© Studio Xenia Hausner. Foto Stefan Liewehr

Se si domanda ad Hausner se sia presente nelle sue tele una certa ispirazione cinematografica, lei, molto diplomaticamente, ne accenna l’esistenza ma non rivela quali siano le sue fonti. Innanzitutto, spicca la presenza della donna quale soggetto privilegiato di ogni situazione. Al di là della mimica facciale, spesso celata, della figura, emergono l’incarnato, con tutte le sfumature tonali che lo rendono «umano», gli arti, ad esempio le mani, forti e fragili, capaci di tenere un microfono quanto un figlio ben saldo a sé, e poi le vesti, di cui ogni piega sembra voler raccontare una storia.

Ai dipinti, di grande dimensione e dai colori assai vivaci, sono affiancate tre sculture dai toni drammatici. «Spill» (2024) rappresenta una figura femminile che tiene stretto un salvagente rosso e bianco. Unta di petrolio, ha appoggiato in testa un uccello inzuppato nella stessa viscosa sostanza nera. Il tema ecologico emerge in modo più che esplicito anche in «Atemluft», (respiro), del 2024, «immagine concreta della disperazione, una lotta per ciò di cui abbiamo più bisogno per vivere», per dirla con l’autrice. Un mondo turbolento, scosso, sempre in continuo cambiamento pervade tele e plastiche definendo una ricerca che mentre affascina per la sua estetica impattante, altresì denuncia senza troppi compromessi. «Stranger Things», ammiccante titolo del percorso (mutuato da un’opera di Hausner), è visitabile sino al 9 giugno.

Monica Trigona, 03 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel Museo Archeologico Regionale oltre sessanta opere di autori italiani e internazionali illustrano le ricerche degli ultimi sessant’anni

Da Alba alla Cina, passando per il MaXXI: l’artista piemontese non ha bruciato le tappe ma, con dedizione e serietà, è riuscito a esporre in importanti musei italiani, ed esteri, per poi dirigersi verso l’oriente del mondo

Grafiche e fotografie si avvicendano in un percorso emozionale creato da due artiste che interpretano i moti interiori riconoscendosi l’una nel lavoro dell’altra 

Un’opera di Ceroli degli anni Settanta in dialogo con una grande ceramica di Francesca Zoboli per indagare la porosità dei confini tra arte, arte applicata e architettura d’interni

Lo storyboard al femminile di Xenia Hausner | Monica Trigona

Lo storyboard al femminile di Xenia Hausner | Monica Trigona