Installation view della mostra collettiva virtuale «Progetto Accademie - D'après» ospitata sul sito della Galleria Piero Guccione

Image

Installation view della mostra collettiva virtuale «Progetto Accademie - D'après» ospitata sul sito della Galleria Piero Guccione

Guccione ispira i giovani artisti

L’Archivio del pittore siciliano presenta la prima edizione del Progetto Accademie, mostra virtuale che coinvolge 13 studenti di pittura delle accademie di Catania e di Catanzaro

Piero Guccione (Scicli 1935 - Modica 2018), pittore siciliano artisticamente molto dotato e apprezzato da critici come Antonio del Guercio, Dario Micacchi, Duilio Morosini e Vittorio Sgarbi, è stato un sostenitore dello «spettacolo della vita», che riconsegnava, attraverso le sue tele, nella sua essenza più pura (il mare azzurro che si perde all’orizzonte, gli spazio sconfinati, i cieli pieni di luce che tutto avvolgono ma anche le visioni quotidiane di balconi, giardini, finestre, muri ecc.). Dal 2018 a lui è dedicato l’omonimo archivio. Quest’ultimo, che promuove la conoscenza e la tutela dell’artista e delle sue opere attraverso attività di studio, documentazione, autenticazione e catalogazione, organizza anche «iniziative speciali».

Tra queste spicca un esperimento di didattica che, iniziato lo scorso novembre, si è palesato il 5 maggio (anniversario della nascita di Guccione) con la mostra collettiva virtuale «Progetto Accademie – D’après» accessibile sino al 5 ottobre 2024 digitando www.galleriapieroguccione.it. Il percorso fruibile in modo semplice e interattivo (il sito permette infatti di curiosare tra i quadri «esposti» offrendo la possibilità di avvicinarvisi, passare all’opera successiva, avere maggiori informazioni e ingrandirne i dettagli) coinvolge tredici studenti dei corsi di Pittura delle Accademie di Belle Arti di Catania e di Catanzaro dell’anno accademico 2023-24 che, dopo aver approfondito la conoscenza della poetica dell’autore siciliano, hanno creato originali lavori ispirati dai grandi nomi del passato. 

Installation view della mostra collettiva virtuale «Progetto Accademie - D'après» ospitata sul sito della Galleria Piero Guccione

«Rileggere i classici dell’arte nel solco tracciato dal pittore Piero Guccione con la guida, le parole, il pensiero, tramandato negli anni ai suoi allievi più cari» è alla base dell’ambizioso progetto coordinato dai docenti-artisti Giuseppe Puglisi (a Catania) e Piero Zuccaro (a Catanzaro). D’altronde Guccione nel corso della sua carriera aveva più volte omaggiato i grandi maestri della storia dell’arte e con la serie dei d’après, si era confrontato con celebri composizioni di Masaccio, Signorelli, Michelangelo, Giorgione, Caravaggio, Vermeer, Chardin, Friedrich, Bacon, solo per citare qualche nome celebre.

Il percorso espositivo virtuale presenta tredici lavori realizzati dagli studenti delle due Accademie ispirati da Mantegna, Leonardo, de Chirico, Magritte, Rothko e altri autorevoli artisti accanto a venticinque d’après realizzati da Piero Guccione tra il 1965 e il 2014. A queste opere è affiancata anche una fotografia in bianco e nero di Giuseppe Leone, recentemente scomparso, che ritrae Piero Guccione nel suo studio.

 

Monica Trigona, 08 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel Museo Archeologico Regionale oltre sessanta opere di autori italiani e internazionali illustrano le ricerche degli ultimi sessant’anni

Da Alba alla Cina, passando per il MaXXI: l’artista piemontese non ha bruciato le tappe ma, con dedizione e serietà, è riuscito a esporre in importanti musei italiani, ed esteri, per poi dirigersi verso l’oriente del mondo

Grafiche e fotografie si avvicendano in un percorso emozionale creato da due artiste che interpretano i moti interiori riconoscendosi l’una nel lavoro dell’altra 

Un’opera di Ceroli degli anni Settanta in dialogo con una grande ceramica di Francesca Zoboli per indagare la porosità dei confini tra arte, arte applicata e architettura d’interni

Guccione ispira i giovani artisti | Monica Trigona

Guccione ispira i giovani artisti | Monica Trigona