Una fotografia di Tonje Bøe Birkeland dalla serie «The Characters» (2008-)

Cortesia dell’artista e di Gyldenpris Kunsthall, Paradis

Image

Una fotografia di Tonje Bøe Birkeland dalla serie «The Characters» (2008-)

Cortesia dell’artista e di Gyldenpris Kunsthall, Paradis

Al via la nona edizione di Photo London

La Somerset House ospita il festival di fotografia con oltre 100 espositori, sei collettive e due personali

Si svolge dal 16 al 19 maggio la nona edizione di Photo London, festival di fotografia ospitato nell’imponente cornice neoclassica di Somerset House. A nove anni dalla sua istituzione, la vetrina continua ad attrarre il meglio del panorama fotografico contemporaneo riunendo talenti emergenti e navigati in un programma che spazia tra il commerciale, la fotografia d’archivio e lo sperimentale. 

Madrina di Photo London 2024 è Valérie Belin, la prima fotografa donna a essersi aggiudicata il Prix Pictet (2015), annunciata come il Master of Photography dell’evento. Per l’occasione, l’artista espone «Silent Stories», vasta collezione fotografica ispirata alla sempre meno definita linea tra natura e artificio. «Viviamo in una società in cui ciascuno di noi sembra voler diventare uno stereotipo», ha spiegato Belin. In «Silent Stories», la pungente bellezza dei suoi soggetti femminili lascia trasparire l’inquietudine e l’alienazione proprie di chi si scontra con un mondo che si rifiuta di guardare oltre le apparenze. 

Tra gli appuntamenti più attesi, «See/Change», collettiva all’intersezione tra fotografia, attivismo e giustizia sociale sviluppata per il 25mo anniversario della Deutsche Börse Photography Foundation. A cura di Anne-Marie Beckmann e Renée Mussai, la mostra mette in dialogo alcuni tra gli artisti visivi più stimolanti di oggi, tra cui Mohamed Bourouissa, Sabiha Çimen, Daniel Jack Lyons e Anastasia Samoylova. Curata da Charlotte Jansen, la Discovery Section offre uno sguardo sul futuro del medium celebrando gli approcci, le tematiche e le ispirazioni delle nuove promesse della fotografia mondiale. 

La stessa missione guida l’Hahnemühle Student Award e il Nikon Emerging Photographer of the Year, due dei premi istituiti da Photo London a supporto dei talenti di domani, ciascuno con una collettiva dedicata ai suoi finalisti. Una cornice speciale è data all’azienda inglese Belmond, gigante del settore turistico, che racconta le sue destinazioni attraverso la lente di nove fotografi tra cui Durimel, Coco Capitán, Jack Davison e Jeano Edwards. Quanto alla Main Section del festival, con più di 100 espositori da tutto il mondo, Kamiar Malek, neo direttore della fiera e suo curatore, si dice soddisfatto: «Ci vorrà qualche anno per far sì che la nostra visione si realizzi pienamente, ma è già chiara nella qualità delle gallerie partecipanti e nel crescente numero di collezionisti che si uniscono a noi questo maggio». 

Gilda Bruno, 14 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Il linguaggio audace e versatile dell’artista vietnamita, residente ad Amburgo, ha avuto la meglio sugli altri nove finalisti della 18ma edizione del premio

Nella galleria londinese, l’artista Apsáalooke guarda alle origini del rapporto tra Europa e Nord America per denunciare espropriazione di cultura e risorse

«All About Love», prima personale itinerante incentrata sul lavoro dell’artista afro-americana, rivendica la rappresentazione della femminilità nera in un elogio alla cura, i rituali e la gioia associati a essa

Per il suo debutto alla Lisson Gallery di Londra, l’artista nigeriana avvolge il pubblico in un ambiente multisensoriale ispirato alla capacità di rigenerarsi dell’uomo e della terra

Al via la nona edizione di Photo London | Gilda Bruno

Al via la nona edizione di Photo London | Gilda Bruno