«Delfos» di Yvonne Venegas

© Yvonne Venegas. Cortesia dell’artista

Image

«Delfos» di Yvonne Venegas

© Yvonne Venegas. Cortesia dell’artista

La fioritura primaverile di rassegne e festival di fotografia

Gli appuntamenti da non perdere in Italia ed Europa, da Reggio Emilia, Torino e Cortona, passando per Arles, Londra e Łódź

Col ritorno della bella stagione, il calendario di mostre personali, collettive e festival pensato per celebrare l’inventiva dei fotografi contemporanei si infoltisce. Si parte con il festival di Fotografia Europea di Reggio Emilia (26 aprile-9 giugno), intitolato «La natura ama nascondersi», un’occasione unica per entrare a contatto con gli sguardi del panorama fotografico continentale e guardare oltre la superficie delle nostre esperienze. Diretto da Tim Clark, Walter Guadagnini e Luce Lebart, il programma include 21 mostre tra cui personali di Silvia Rosi, Karim El Maktafi e Yvonne Venegas

C’è attesa per il debutto di EXPOSED, primo grande festival internazionale di fotografia di Torino, che arriva in città dal 2 maggio al 2 giugno intrecciandosi nelle giornate inaugurali con The Phair (3-5 maggio), fiera annuale dedicata allo stesso medium, visitabile presso le Officine Grandi Riparazioni. Sotto la guida dei direttori artistici Menno Liauw e Salvatore Vitale, l’evento vedrà 20 mostre animare diverse istituzioni del torinese in contemporanea a proiezioni, performance e tavole rotonde. 

Anche all’estero abbondano gli appuntamenti per i fotoamatori, tra cui Photo London (16-19 maggio), Belfast Photo Festival (1-30 giugno), Getxophoto (6-30 giugno) nella città basca di Getxo, poco distante da Bilbao e il Fotofestiwal (13-23 giugno) a Łódź, in Polonia. A guidare l’estate artistica resta Les Rencontres d’Arles (1 luglio-29 settembre), festival per eccellenza, la cui nuova edizione omaggia, in una collettiva, François Bellabas, Cemil Batur Gökçeer, Coline Jourdan, Tshepiso Mazibuko, Matan Mittwoch, Marilou Poncin e Nanténé Traoré, finalisti del Louis Roederer Foundation Discovery Award. Spicca per rilevanza «Of Soul and Joy» del fondo Rubis Mécénat, progetto che si rifà alla fotografia per permettere a giovani sudafricani delle comunità meno privilegiate di Johannesburg di affrancarsi dal lascito dell’apartheid. 

Sempre in Italia, la 14ma edizione di Cortona On The Move (11 luglio-3 novembre) torna a trasformare la cittadina toscana in luogo di fermento artistico e fotografico. Intitolata «Body of Evidence» e sviluppata dalla direttrice Veronica Nicolardi, dal direttore artistico Paolo Woods e dal collettivo curatoriale Kublaiklan, la sua programmazione abbraccia il corpo umano come teatro delle battaglie identitarie, sociali e politiche del presente.

Gilda Bruno, 24 aprile 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella galleria londinese, l’artista Apsáalooke guarda alle origini del rapporto tra Europa e Nord America per denunciare espropriazione di cultura e risorse

«All About Love», prima personale itinerante incentrata sul lavoro dell’artista afro-americana, rivendica la rappresentazione della femminilità nera in un elogio alla cura, i rituali e la gioia associati a essa

Per il suo debutto alla Lisson Gallery di Londra, l’artista nigeriana avvolge il pubblico in un ambiente multisensoriale ispirato alla capacità di rigenerarsi dell’uomo e della terra

L’affinarsi della formazione universitaria riflette la crescente rilevanza del medium nella società di oggi, in Italia e nel mondo, ma l’incertezza dello sbocco professionale ne rallenta la diffusione

La fioritura primaverile di rassegne e festival di fotografia | Gilda Bruno

La fioritura primaverile di rassegne e festival di fotografia | Gilda Bruno