Image
Image

Tre bagni nel Campanile di Giotto

Le novità delle ricerche riguardanti le diverse fasi di costruzione

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

Firenze. Nel convegno «Il Campanile di Giotto - Studi e ricerche per la conservazione», organizzato dall’Opera di Santa Maria del Fiore e tenutosi il 15 e 16 novembre scorsi presso l’Antica Canonica di San Giovanni, sono stati presentati i risultati di analisi e studi compiuti sul monumento per analizzarne le diversi fasi costruttive, il grado di staticità, il sistema di fondazione, il degrado dei materiali, il quadro fessurativo e le condizioni del terreno su cui poggia. Le indagini fanno parte di un più ampio progetto di analisi conoscitive e monitoraggi dei maggiori monumenti del complesso di Santa Maria del Fiore, che ha preso avvio dal Battistero di San Giovanni nel 2013.

Sono state svolte da professori e ricercatori dell’Università degli Studi di Firenze e del Politecnico di Torino avvalendosi della tecnologia più avanzata (è stato realizzato il primo rilievo digitale 3D) e di approfondite ricerche di archivio. Tra le più significative novità emerse ci sono quelle riguardanti la fase di costruzione del campanile tra il 1334 e il 1359 sotto la direzione prima di Giotto, poi di Andrea Pisano e quindi di Francesco Talenti. Il campanile aveva ben tre bagni disposti su tre piani e una sala del tesoro, finora ignota, che si trovava al piano terra nel punto in cui oggi si accede al monumento.

In questa sala, concepita nella fase di costruzione diretta da Andrea Pisano e accessibile solo dal piano superiore, attraverso una grata a scorrimento verticale, erano conservati i tesori della Cattedrale e le offerte. La sala ricoprì questa funzione anche nella prima metà del Quattrocento (fin quando non fu realizzata la porta attuale), e l’accesso al Campanile avveniva dunque dal piano superiore, collegato con un ponte alla Cattedrale in costruzione. Nel corso del convegno, il Campanile è stato messo a confronto con altre costruzioni a torre, quali minareti, grattacieli e campanili ed è stato chiarito il ruolo importante di Francesco Talenti nella conduzione della fabbrica.

Laura Lombardi, 11 gennaio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

Tre bagni nel Campanile di Giotto | Laura Lombardi

Tre bagni nel Campanile di Giotto | Laura Lombardi