Una foto del nuovo allestimento del Maec

Image

Una foto del nuovo allestimento del Maec

Severini rimpatriato a Cortona

Una nuova sezione dedicata al pittore futurista arricchisce il percorso del Maec

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

Una nuova sezione dedicata a Gino Severini arricchisce il percorso del Maec, il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona all’interno di Palazzo Casali, in una città cara all’artista (che vi nasce nel 1883). Pur avendola lasciata presto, vi tornerà nel 1935 con la moglie francese, per soggiornarvi anche nella maturità.

Il percorso si focalizza sui temi della famiglia (nella prima sala, in mostra «Maternità» e «La Bohémienne»), sul museo immaginario (nella seconda sala) con xilografie, litografie e disegni di danzatrici futuriste e neofuturiste, nature morte cubiste, maschere della Commedia dell’Arte (mentre su grandi schermi è allestita una videoproiezione con immagini dei suoi capolavori dal 1903 al 1960), sull’atelier dell’artista e sulla sua produzione di opere religiose (nella terza sala), che proprio a Cortona ha testimonianza nella «Via Crucis» (1945-46) lungo via Santa Margherita, conclusa con il mosaico di San Marco.

Nella sala video, in mostra cartoni e immagini dei pannelli a mosaico (fotografie di Fotoclub Etruria), accompagnati dai disegni preparatori, ma anche da litografie e video sul lavoro in pittura e mosaico per le chiese della Svizzera romanda. Infine il «Collage in ferro» espressione, col «Giano», degli ultimi anni. Le opere sono in gran parte donate dalla figlia, Romana Severini, cocuratrice dell’allestimento insieme a Daniela Fonti, che ricorda il motto del padre «Devo far cantare i colori», cui si rifà il titolo del documentario in mostra di Lia Polizzotti e Irene Pantaleo «Gino Severini. Bisogna far cantare i colori».

Il nuovo allestimento è stato progettato da Andrea Mandara con Claudia Pescatori mentre la grafica è di Francesca Pavese e le realizzazioni sono di ArticolArte srl.

Una foto del nuovo allestimento del Maec

Laura Lombardi, 23 novembre 2021 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Il cantiere ha riguardato l’intero tempietto della basilica della Santissima Annunziata a Firenze per un intervento complesso e delicato

Un viaggio suddiviso per tappe cittadine: da Roma, vero centro propulsore, a Milano, Torino, Pistoia e Palermo

Ad una delle figure più influenti dell’attuale panorama artistico internazionale è dedicato il percorso che comprende un’ampia selezione di opere, tra le quali, spiccano quelle realizzate con centinaia di «lego»

A giugno la storica dell’arte lascia la direzione della Galleria dell’Accademia di Firenze, dopo essere stata al centro delle polemiche per la sua frase sulla città «meretrice»: «Ho sempre puntato sulla qualità della fruizione, non sulla quantità degli ingressi. Ma siamo comunque sicuramente il museo con più visitatori al metro quadro», spiega

Severini rimpatriato a Cortona | Laura Lombardi

Severini rimpatriato a Cortona | Laura Lombardi