Image
Image

Rischi e cromatismi

Mariella Rossi

Leggi i suoi articoli

Parla l’architetto svizzero Mario Botta, autore dell’allestimento della mostra «Legni preziosi» alla Pinacoteca Züst

Che cosa l’ha guidata nell’allestimento della mostra?

Non volevo che le sculture «vagassero» nel buio, visto che andavano sospese in un ambiente oscurato e illuminate in maniera mirata per mettere in risalto la tridimensionalità. Ho deciso di richiamare gli appoggi originari di queste opere, nate per altari, tabernacoli e battisteri e non per uscire da asettiche gallerie come avviene oggi. Non ho voluto costruire ma evocare una spazialità. Ho rischiato e mi sono allontanato dalla mia convinzione di rendere presenti il meno possibile i supporti per mantenere le opere protagoniste assolute. Ho sentito l’esigenza di segnare almeno un fronte, il filo dell’altare, per offrire una dimensione di appoggio visibile alle sculture. Le strutture sono composte da elementi verticali di sostegno ancorati alla parete nera che fa da fondo (nero è anche il pavimento), mentre orizzontalmente, sulla sommità di un architrave, esce a sbalzo una mensola con le singole opere. 

Quali materiali ha utilizzato?

Un conglomerato ligneo normalmente scelto per le casse d’imballaggio, un materiale povero per contrasto rispetto alla preziosità del legno scolpito e composito rispetto al monolitico legno intagliato. 

Com’è scandito il percorso?

Una connotazione cromatica indica il passaggio da una sezione all’altra, sono i colori con cui sono dipinte le mensole, dal turchese del Medioevo al rosso del Seicento, al blu del Settecento. Partendo dal fatto che le sculture sono policrome, ho deciso di dipingere il materiale povero degli appoggi lasciando percepire la composizione di queste scaglie di legno. Questo progetto insiste con un confronto tra il passato (i legni preziosi)  e la contemporaneità (l’allestimento).

A che cosa sta lavorando adesso?

A una decina di progetti tra cui il campus dell’Accademia di Belle Arti Luxun a Shenyang in Cina e un ristorante panoramico sulla vetta del Monte Generoso in Ticino. Ma il progetto cui tengo di più è il Teatro dell’Architettura, una nuova struttura che ho progettato per l’Accademia di Architettura di Mendrisio. Aprirà a settembre 2017 e ospiterà eventi espositivi a ciclo continuo, abbiamo in programma una mostra di Louis Kahn e altri protagonisti del mondo dell’arte. È uno spazio pensato per dare visibilità alla ricerca in architettura, destinato a diventare un punto di riferimento costante nella vita dell’ateneo.

Mariella Rossi, 09 ottobre 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dopo i lavori di restauro, l’architettura risalente all’VIII secolo può ora apportare nuove significative conoscenze sul mondo e le relazioni che allora gravitavano intorno al Mediterraneo

Il progetto di valorizzazione dell’opera friulana degli scultori provenienti dai laghi lombardi e specializzati nella lavorazione della pietra ha preso corpo in una collana promossa dalla Società Filologica Friulana

In una guida due secoli di scavi, tradizioni e sapori della nona città più importante dell’impero romano, oggi tra i siti archeologici più noti nel mondo

La mostra di Altan a Palazzo Frisacco, mentre il festival letterario «Vie dei libri» invade la cittadina friulana

Rischi e cromatismi | Mariella Rossi

Rischi e cromatismi | Mariella Rossi