Image

A sinistra, una maschera Dan-Mano, in legno, raccolta in Liberia nel 1935, proposta dalla galleria Dalton Somaré. A destra, una statua Loma della collezione Meneghini proposta dalla galleria Dandrieu Giovagnoni

Image

A sinistra, una maschera Dan-Mano, in legno, raccolta in Liberia nel 1935, proposta dalla galleria Dalton Somaré. A destra, una statua Loma della collezione Meneghini proposta dalla galleria Dandrieu Giovagnoni

Parcours des Mondes: incroci con il ’900

Due gallerie italiane partecipano alla XVII edizione

Antonio Aimi

Leggi i suoi articoli

La XVII edizione dei Parcours des Mondes, nella capitale francese dall’11 al 16 settembre, è all’insegna della continuità e del consolidamento dei risultati raggiunti. Anche quest’anno la ricerca del dialogo tra l’arte «altra» e quella contemporanea è sottolineata da un presidente d’onore, Adam Lindemann, celebre collezionista di contemporaneo.

Tra le numerose iniziative collaterali merita attenzione la mostra «Pigalle 1930», che attraverso documenti e opere di collezioni private rivisita l’esposizione omonima che coinvolse personaggi come Picasso, Ratton, Tzara e altri. Il numero delle gallerie si è leggermente ridotto: al momento in cui scriviamo, gli espositori sono passati da 67 a 64. Tra loro sono predominanti i francesi (34), seguono poi Regno Unito (10), Usa (6), Belgio (5) e le altre provenienze (9).

Le gallerie italiane sono due: Dalton-Somarè di Milano e Dandrieu-Giovagnoni di Roma. La prima presenta una selezione di opere di impianto modernista, tra cui una coppia di gazzelle Bamana e una figura maschile Baulé attribuita al Maestro di Sikassou. La seconda ha organizzato la mostra «La condition humaine», sulle rappresentazioni della figura umana nelle culture dell’Africa centro-occidentale: spiccano una statua Loma (collezione Meneghini) e una figura Bambara già passata in mostra al Rietberg di Zurigo.

Tra le altre esposizioni ci limitiamo a segnalare «Paroles tribales», che incrocia opere dei quattro continenti (Dodier); «Africubisme» (Flak), che ripropone i rapporti tra l’arte africana e il Cubismo; «Objets médecine» (Abla & Alain Lecomte), che accosta la magia ai quadri di un africano contemporaneo e «Supranatural: crânes, squelettes, fantômes et démons» (Mingei Japanese Arts), che presenta i temi del titolo nella cultura giapponese.

A sinistra, una maschera Dan-Mano, in legno, raccolta in Liberia nel 1935, proposta dalla galleria Dalton Somaré. A destra, una statua Loma della collezione Meneghini proposta dalla galleria Dandrieu Giovagnoni

Antonio Aimi, 10 settembre 2018 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Al Rietberg Museum il valore simbolico della lega di oro e rame per le popolazioni indigene

Quasi 500 reperti, per la maggior parte da musei messicani, contribuiscono a ricostruire il più importante centro cerimoniale della capitale degli Aztechi Tenochtitlan

Nicola Masini, direttore della missione Itaca del Cnr, spiega che le nuove tecnologie EO (Earth Observation: elaborazioni multispettrali, prospezioni geoelettriche, georadar e geomagnetiche) possono far luce sulla storia del celebre sito peruviano

Dal 15 dicembre per andare sulle spiagge di Cancún si potrà viaggiare su questa nuova linea ferroviaria, promessa dal presidente del Messico per rafforzare il turismo nei siti maya della regione

Parcours des Mondes: incroci con il ’900 | Antonio Aimi

Parcours des Mondes: incroci con il ’900 | Antonio Aimi