Image

La facciata del Villino Favaloro

Image

La facciata del Villino Favaloro

Nel Villino di Basile il primo museo siciliano della fotografia

Sono partiti i lavori, l'apertura è prevista per la fine del 2020

Giusi Diana

Leggi i suoi articoli

Doveva essere completato nel 2015, ma i lavori di restauro e allestimento museale del Villino Favaloro, opera di Giovan Battista Filippo Basile (1889-91), sono partiti solo il 30 maggio. L’edificio dalla elegante torretta Liberty del 1914 (realizzata da Ernesto Basile, figlio di Giovan Battista Filippo) e apparati decorativi di Carmelo Giarrizzo e Salvatore Gregorietti, sarà la sede del primo Museo regionale della Fotografia, grazie a 1,7 milioni di euro del Pon Cultura e Sviluppo Fesr 2014-20 . I tempi previsti per la consegna sono di 18 mesi, pertanto l'apertura del museo sarà alla fine del 2020.

Il progetto museologico e museografico è affidato al Centro Regionale per l’Inventario e la Catalogazione diretto da Caterina Greco, che qui esporrà le sue collezioni fotografiche. Firmato da Eliana Mauro, il progetto prevede un percorso espositivo che dal piano terra si sviluppa fino al primo piano, con il Giardino d’Inverno che accoglierà la ricostruzione di un atelier fotografico.

Il criterio espositivo è quello cronologico; al piano terra si parte con la protofotografia (1839-65), la produzione dei fotografi eredi del Grand Tour tra fine Otto e inizio Novecento e con quelli legati alla corrente del Naturalismo-Pittorialismo all’inizio del nuovo secolo; al primo piano si va dalla fotografia del Novecento fino a quella contemporanea.

Diversi i fondi storici acquistati negli anni dalla Regione con fotografie di Fratelli Alinari, Brogi, Crupi, Incorpora, Interguglielmi, Cappellani che qui, insieme a mostre temporanee anche di fotografia contemporanea, troveranno finalmente casa.

La facciata del Villino Favaloro

Giusi Diana, 14 agosto 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

In Sicilia l’imprenditore e collezionista messinese apre nuove camere d’artista non lontano dall’albergo-museo di Castel di Tusa, chiuso un anno fa, e annuncia per il 2025 la Triennale della contemporaneità 

Una delle sedi del Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo ospita una mostra che fa il punto sulla fascinazione che lega da tempo l’artista al denso e stratificato immaginario dell’isola e del suo capoluogo

Dal 18 al 21 giugno, tra Napoli e l’isola di Vulcano, la terza edizione di «Volcanic Attitude», festival di cultura contemporanea, con le opere di Riccardo Arena, Loredana Longo, Emilio Messina, Ignazio Mortellaro, Filippo Romano, Shaken Grounds

La statua suggerisce le dimensioni ciclopiche del più grande tempio incompiuto della Sicilia di cui rimane solo un ammasso di blocchi calcarei

Nel Villino di Basile il primo museo siciliano della fotografia | Giusi Diana

Nel Villino di Basile il primo museo siciliano della fotografia | Giusi Diana