Image

«Arirang Series 2014’1» (2014) di AHN Chang Hong. Cortesia dell’artista e della May 18 Memorial Foundation

Image

«Arirang Series 2014’1» (2014) di AHN Chang Hong. Cortesia dell’artista e della May 18 Memorial Foundation

Lo spirito della rivolta coreana del 1980

11 artisti si ispirano al romanzo di Han Kang sui 160 morti e 5mila feriti sudcoreani della rivolta di Gwangju

Veronica Rodenigo

Leggi i suoi articoli

«To Where the Flowers Are Blooming (Dove sbocciano i fiori)». Così s’intitola l’ultimo capitolo di Atti umani, romanzo della sudcoreana Han Kang pubblicato nel 2014 e uscito in Italia per Adelphi nel 2017. Narra il dramma della rivolta popolare di Gwangju (Corea del Sud) del 18 maggio del 1980, in seguito al colpo di stato di Chun Doo-hwan. Una rivolta soffocata nel sangue attraverso un massacro che costò 160 morti e 5mila feriti.

A ricordare quella data è il Movimento di Democratizzazione del 18 maggio, la cui eco giunge anche a Venezia grazie alla Gwangju Biennale Foundation e alla Città di Gwangju, che dal 20 aprile organizzano un’esposizione intitolata «To Where the Flowers Are Blooming» nello Spazio Berlendis, ex falegnameria di un antico cantiere navale. La mostra esplora il desiderio delle comunità di elevarsi al di sopra dell’angoscia e della tragedia storica per procedere verso un mondo migliore.

Curata dal dipartimento espositivo della Gwangju Biennale Foundation, la mostra include 11 artisti ed è suddivisa in tre sezioni. La prima, d’archivio, delinea il movimento di democratizzazione denominato dai coreani 5.18 e la storia della democrazia in Corea; la seconda esamina la storia, i ricordi, i traumi e il patrimonio spirituale della città. La terza riflette sul movimento di democratizzazione a Gwangju e sull’attivismo dei giorni nostri. Per la Corea e l’Asia in generale, il 5.18 non è un incidente del passato ma un evento ancora in corso, cui si lega una visione per un futuro giusto in cui è possibile intervenire in qualsiasi momento.

Tra gli artisti in mostra Bae Young-hwan presenta «Pop Song: March for the Beloved, ver.2», un’installazione video che incorpora blocchi di pavimentazione inscritti con i testi di «March for the Beloved», spesso cantata durante le proteste per la democratizzazione. «Forgetting Machines» di Noh Suntag cattura invece i ritratti sbiaditi del cimitero Mangwol-dong, dove sono sepolte le vittime della rivolta. «The Politics of Memory» di Jin Meyerson collega l’immagine di una folla a una piazza di Gwangju per rappresentare l’energia di una comunità solidale per una vita migliore.

Parallelamente alla mostra, l’Istituto Culturale Coreano in Italia ha organizzato un programma educativo che include un incontro con la scrittrice Han Kang sulla cultura e la storia coreana. Gli studenti che partecipano al programma potranno presentare lo spirito di Gwangju ai visitatori della mostra attraverso il loro punto di vista.

«Arirang Series 2014’1» (2014) di AHN Chang Hong. Cortesia dell’artista e della May 18 Memorial Foundation

Veronica Rodenigo, 14 aprile 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L’artista ceco, protagonista di una personale da Tanarte/Spazio Tana, rappresenta ciò che ci affligge: un gene del male nella nostra natura umana

Il collezionista e filantropo miliardario offre un’affascinante serie di mostre in Palazzo Diedo e nella Casa dei Tre Oci, restaurati

Le opere dell’artista franco-vietnamita e dell’autrice indiana s’incontrano per la prima volta a Palazzo Vendramin Grimani

A Palazzo Bembo, Palazzo Mora e Giardini della Marinaressa la settima edizione di «Personal Structures», organizzata da Ecc Italy

Lo spirito della rivolta coreana del 1980 | Veronica Rodenigo

Lo spirito della rivolta coreana del 1980 | Veronica Rodenigo