Image
Image

Le guide contro il monopolio del bagarinaggio

Potenti software messi in campo da pochi grandi tour operator fanno la parte del leone a Roma nell’acquisto dei biglietti. Il turismo andrebbe invece gestito, non subìto

Guglielmo Gigliotti

Leggi i suoi articoli

Le guide turistiche di Roma lanciano il loro grido di dolore: i biglietti di accesso al Colosseo, messi a disposizione online sul sito di CoopCulture, vengono acquistati in pochi secondi e a centinaia di migliaia per volta da potenti software (bot) messi in campo da pochi grandi tour operator, che a loro volta redistribuiscono i biglietti, anche in forma di secondary ticketing (bagarinaggio), davanti alle arcate dello stesso Colosseo.

In questa giungla, centinaia di guide non riescono più a lavorare, perché, a Roma, nel pacchetto di offerta di visite guidate, non si può omettere il Colosseo. Spiega Isabella Ruggiero, presidente di Agta, Associazione guide turistiche abilitate: «I soggetti danneggiati da questo monopolio, oltre alle singole guide, sono le agenzie che non dispongono di tali sofisticati mezzi tecnologici. Facciamo un appello al Ministero della Cultura e al Ministero del Turismo per trovare una soluzione, e nel frattempo abbiamo dato mandato al nostro studio legale di intraprendere le azioni necessarie, tra cui la segnalazione all’Autorità garante della concorrenza e del mercato».

Annett Schrank, partita Iva con piccola impresa di guide turistiche in lingua tedesca, conosce bene la situazione: «Roma sta collassando, sta trionfando il caos, la legge del più forte. Il turismo andrebbe invece gestito, non subìto. Io e i miei impiegati ci troviamo fino a 5-6 ore al giorno ad attendere che vengano pubblicate le vendite online, per acciuffarle, ma i biglietti spariscono in pochi secondi. Rischiamo di chiudere, ed è amaro pensare che era meglio quando c’era meno turismo, perché è questo il problema principale. Un altro problema è Instagram: le folle di turisti vengono per farsi una fotografia e poter dire “sono stato al Colosseo, mi invidiate?”. Noi stiamo cercando di offrire percorsi alternativi, anche più tranquilli, ma è difficile convincere i turisti che Roma non è solo il Colosseo».

Rincara la dose la guida turistica Giancarlo del Taglia: «L’impossibilità di offrire tour all’interno del Colosseo costringe me e le piccole agenzie per cui lavoro a dirottare i clienti sui grandi tour operator che, avendo accesso a migliaia di biglietti, riescono a offrire invece tali visite guidate. E la beffa è che, non riuscendo più a lavorare per i miei clienti, sono spesso costretto a lavorare per i grandi tour operator anch’io».

Guglielmo Gigliotti, 07 agosto 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L’ironia sostenuta dall’ingegno di Filippo Lippi e le bizzarrie del figlio Filippino in mostra a Roma ai Musei Capitolini

INCHIESTA SUL FUTURISMO 8. | «È stato un fenomeno diffuso nella penisola e tanti, oggi, hanno un futurista da riscoprire. Dunque, bene il revival, purché sia scientifico e certi assunti non vengano travisati»

«Saranno visitabili anche di notte, ovunque siate», annuncia Fabio Tagliaferri, l’uomo di fiducia di Meloni nominato presidente della «geniale» società del Ministero della Cultura. «Inizieremo con il rivoluzionare la comunicazione»

Nella ventina di tele, quasi tutte inedite, del pittore siciliano allestite al Museo Hendrik Christian Andersen, la novità sono le navi da guerra all’orizzonte, piccoli segni dei nostri tempi

Le guide contro il monopolio del bagarinaggio | Guglielmo Gigliotti

Le guide contro il monopolio del bagarinaggio | Guglielmo Gigliotti