La testa di Venere in marmo ritrovata a Chieti

Image

La testa di Venere in marmo ritrovata a Chieti

La Venere dai capelli ondulati

Un ritrovamento nel centro storico di Chieti

Image

Redazione GDA

Leggi i suoi articoli

Le indagini di archeologia preventiva nei lavori per riqualificare piazza San Giustino a Chieti hanno portato alla luce una deliziosa testa di Venere in marmo, dai capelli ondulati. La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Chieti e Pescara ritiene la scultura una possibile copia romana del I secolo d.C. dell’Afrodite accovacciata dello scultore ellenistico Doidalsas.

Sono emersi tra l’altro anche una muratura absidata, fondazioni di pilastri, un arco, cisterne. Per la soprintendente Rosaria Mencarelli i rilievi non hanno dato elementi per lasciare a vista quanto trovato.

La testa di Venere in marmo ritrovata a Chieti

Redazione GDA, 24 marzo 2021 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Al MoMA la retrospettiva della pioniera della performance che si vorrebbe rivedere più volte

Il tema scelto, «Una nuova gioventù», è dedicato alle preoccupazioni dei giovani di oggi e al loro rapporto con le generazioni passate

Documenti dell’Archivio di Stato di Ancona li rappresentano nel contesto storico del regime fascista

La seconda puntata di una corrispondenza sui motivi che ci spingono a visitare i luoghi dell’arte

La Venere dai capelli ondulati | Redazione GDA

La Venere dai capelli ondulati | Redazione GDA