Image
Image

Incontro bolognese

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

A Bologna, dal 4 novembre al 23 dicembre, l’«Incontro con la Pittura n. 24» di Fondantico espone oltre 40 opere di maestri italiani dal Trecento all’Ottocento. Dal trittico del bolognese Simone dei Crocifissi e dalla Madonna dell’Umiltà di Antonio Orsini si passa a due tavole cinquecentesche del Raffaellismo bolognese con soggetto analogo (il «Matrimonio mistico di santa Caterina», di Girolamo Marchesi da Cotignola e del Bagnacavallo Giovane) e al Seicento con un’intensa «Lucrezia» di Guido Reni e con l’intimista «San Giuseppe con il Bambino» di Guercino. Di Domenico Maria Canuti due quadri: uno «Sposalizio mistico di santa Caterina e due angeli» e «Madonna con Bambino e san Giovannino».

Il classicismo bolognese del Seicento è presente con due Madonne con il Bambino di Carlo Cignani: una luminosa e su rame, l’altra su tela. Allievo di Canuti e di Cignani, Giuseppe Maria Crespi è presente con un «San Giovanni Evangelista a Patmos». Tre i soggetti tassiani: «Erminia e il pastore» per Felice Torelli e Girolamo Donnini ed «Erminia trova Tancredi ferito» di Ercole Graziani, esempio di pregio della sua pittura «da stanza». Gaetano Gandolfi è l’autore della «Madonna con il Bambino e l’Arcangelo Michele» (bozzetto). La natura morta e paesaggio sono illustrati da un pendant (già della famiglia romana Theodoli) che affianca un’opera del genovese Grechetto al quadro di soggetto e dimensioni affini dell’artista bolognese noto per ora come «Pseudo-Vitali» e dalla «Veduta montana» del veneto Marco Ricci (gli schizzi di figure ascrivibili al fratello Sebastiano). Completano la mostra alcuni grandi disegni a penna di Felice Giani (uno con un tempietto dedicato «al divino Canova») e il fastoso «Ritratto di dama con un copricapo alla turca» di Giuseppe Molteni.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 04 novembre 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

I sopracamini che l’imprenditore Michelangelo Poletti si è aggiudicato nel 2022 sono esposti a Palazzo d’Accursio, dopo l’intervento di Giovanni Giannelli del Laboratorio Ottorino Nonfarmale

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

Incontro bolognese | Giovanni Pellinghelli del Monticello

Incontro bolognese | Giovanni Pellinghelli del Monticello