«Untitled (Hand-Shell)» (1934), di Dora Maar. Centre Pompidou, Musée national d’art moderne, Paris Photo. © Centre Pompidou

Image

«Untitled (Hand-Shell)» (1934), di Dora Maar. Centre Pompidou, Musée national d’art moderne, Paris Photo. © Centre Pompidou

Il mistero del taccuino di Dora Maar

Una originale biografia dell’artista parigina intreccia la sua vita con nomi celebri della cultura del Novecento, persone comuni e con un grande assente: Pablo Picasso

Image

Redazione GDA

Leggi i suoi articoli

«Prima trovo, poi cerco». La frase di Picasso svetta sulla pagina bianca, dopo il frontespizio, con il peso specifico di un vaticino. In cerca di Dora Maar è una biografia sui generis, avvincente e sorprendente, che cavalca un ritrovamento fortuito per tratteggiare l’identikit di una grande artista del Novecento, ricordata troppo spesso unicamente come musa e amante del padre del Cubismo.

L’autrice, Brigitte Benkemoun, scrittrice e giornalista franco-algerina, con un sesto senso per l’enigma, ordina un taccuino su eBay. Il marito, T.D., ha smarrito l’inseparabile agendina di Hermès, non più in produzione e lei, avvezza ai ritrovamenti delle cose di lui, riesce a rimpiazzarla con un articolo della sezione «Piccola pelletteria vintage».

Sarà l’objet trouvé che dà il la a una storia da romanzo, complice una rubrica rimasta dalle origini tra le pieghe del notes in pelle, senza nome del proprietario, ma datata: 1951. Tra le voci in elenco, membri del cenacolo surrealista e molte firme della cultura del ’900. Aragon, Braque, Leonor Fini, Signac, Tzara. Una Benkemoun emozionata mette in marcia l’indole da detective, incrocia dati, testimonianze, notizie, e voilà: Dora Maar. La rubrica, non c’è dubbio, era sua, ed è una fotografia del suo mondo: strati di amicizie e conoscenze accumulati negli anni. Balthus, Brassaï, l’idraulico Bidance, il salone di bellezza Boudinot. I nomi danno forma ai capitoli del libro, tessere preziose di un puzzle che restituisce stralci di vita. E non c’è voce che in qualche modo non riporti al prima e al dopo con Picasso, al legame passionale e distruttivo che trascinò Dora nella depressione, fino all’elettroshock.

Come per una sorta di damnatio memoriae nel 1951 (la relazione tra i due era finita da 6 anni) il genio spagnolo nell’elenco non c’è. Ma, sottotraccia, resta il coprotagonista del racconto. Presenza indelebile nei giorni e nelle notti di Dora Maar.

In cerca di Dora Maar
di Brigitte Benkemoun, 202 pp., Skira, Milano 2023, € 22

La copertina del volume

«Untitled (Hand-Shell)» (1934), di Dora Maar. Centre Pompidou, Musée national d’art moderne, Paris Photo. © Centre Pompidou

Redazione GDA, 17 marzo 2024 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Al MoMA la retrospettiva della pioniera della performance che si vorrebbe rivedere più volte

Il tema scelto, «Una nuova gioventù», è dedicato alle preoccupazioni dei giovani di oggi e al loro rapporto con le generazioni passate

Documenti dell’Archivio di Stato di Ancona li rappresentano nel contesto storico del regime fascista

La seconda puntata di una corrispondenza sui motivi che ci spingono a visitare i luoghi dell’arte

Il mistero del taccuino di Dora Maar | Redazione GDA

Il mistero del taccuino di Dora Maar | Redazione GDA