Image

«Madonna con Bambino e santi Giovanni Battista, Maria Maddalena, Francesco, Caterina d’Alessandria, Cosma e Damiano» di Sandro Botticelli dopo il restauro (particolare)

Image

«Madonna con Bambino e santi Giovanni Battista, Maria Maddalena, Francesco, Caterina d’Alessandria, Cosma e Damiano» di Sandro Botticelli dopo il restauro (particolare)

I ripensamenti di un venticinquenne

Il restauro di una monumentale opera giovanile di Botticelli evidenzia modifiche apportate dall'artista in corso d'opera

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

La «Madonna con Bambino e santi Giovanni Battista, Maria Maddalena, Francesco, Caterina d’Alessandria, Cosma e Damiano», prima opera monumentale di Sandro Botticelli dipinta a tempera su tavola intorno al 1470 (per affinità stilistiche con la «Fortezza» degli Uffizi), è stata sottoposta presso l’Opificio delle Pietre Dure a un restauro sostenuto anche dai «Friends of the Uffizi Galleries».

L’intervento ha svelato alcuni ripensamenti compiuti da Botticelli venticinquenne non solo durante il disegno, ma anche durante la stesura pittorica, modus operandi che rimanderebbe al suo apprendistato nella bottega di Filippo Lippi, il primo a manifestare questa tendenza inusuale al tempo.

Sono state variate alcune posture e il volgere degli sguardi. Modificate anche le mani di santa Caterina d’Alessandria, sulla cui veste sono peraltro incisi degli occhi (gli stessi ora nel volto della santa), a suggerire una prima posizione della figura in ginocchio e non in piedi.

La pala, risanata nel supporto ligneo e nelle tre zone in cui il colore era sollevato e parzialmente danneggiato, torna a essere esposta nella sala della «Primavera» agli Uffizi. Cecilia Frosinini, che ha diretto il restauro compiuto da Luisa Gusmeroli e Patrizia Riitano per la parte pittorica e da Ciro Castelli e Andrea Santacesaria per quella lignea, osserva come i nuovi dettagli emersi «potrebbero offrire elementi per un riesame complessivo della committenza dell’opera», ora non chiara, dal momento che la pala proviene dal monastero benedettino femminile di sant’Ambrogio senza che nessun santo raffigurato si riferisca a quell’Ordine.

La presenza dei santi Cosma e Damiano, identificati dalle iscrizioni, porterebbe piuttosto verso una commissione legata all’Arte dei Medici e Speziali o alla famiglia Medici.

«Madonna con Bambino e santi Giovanni Battista, Maria Maddalena, Francesco, Caterina d’Alessandria, Cosma e Damiano» di Sandro Botticelli dopo il restauro (particolare)

Laura Lombardi, 14 agosto 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

I ripensamenti di un venticinquenne | Laura Lombardi

I ripensamenti di un venticinquenne | Laura Lombardi