Image

La «Deposizione» (1521) di Rosso Fiorentino (particolare)

Image

La «Deposizione» (1521) di Rosso Fiorentino (particolare)

Gli choc del capolavoro di Rosso Fiorentino

A 500 anni dalla realizzazione, è iniziato il restauro della «Deposizione» di Volterra

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

A 500 anni dalla realizzazione, è iniziato il restauro della «Deposizione» di Rosso Fiorentino (1521), nella Pinacoteca di Volterra dal 1905 (di proprietà della Parrocchia della Basilica Cattedrale di Volterra). Finanziato della Fondazione Friends of Florence, è stato avviato dall’ex soprintendente Andrea Muzzi sotto la sorveglianza della Soprintendenza diretta da Esmeralda Valente, con la supervisione di Amedeo Mercurio e della restauratrice Elena Salotti.

Sono all’opera per la parte pittorica Daniele Rossi e per i supporti lignei Roberto Buda. Composta da cinque tavole di legno di pioppo spesse 5 cm ciascuna, abrase nella «buccia», la «Deposizione» presenta sofferenze causate soprattutto dal restauro del 1975: «Un intervento a opera della restauratrice Nicola Caruso per l’epoca all’avanguardia, spiega Daniele Rossi, ma troppo drastico: la struttura fu rinforzata con traverse di metallo (che verranno tolte) impedendo movimenti di elasticità del legno, provocando fenditure e danni alla superficie pittorica».

Altri restauri ci furono negli anni Ottanta e nel 2003, quando l’opera subì uno choc termico per un problema di riscaldamento. Oltre a sanare il supporto ligneo si rimuoveranno tracce del restauro ormai incongrue «come il rigatino divenuto fuori tono rispetto alla pittura originale», spiega Rossi sottolineando al momento la difficoltà di «capire quanto l’aspetto molto asciutto, scarnificato della stesura pittorica, con pennellate quasi geometrizzanti, sia frutto dello stile di Rosso, già indicato da Carlo Falciani nei suoi studi sull’artista o frutto di abrasioni successive».

Una curiosità emersa dai documenti d’archivio è che l’opera, proveniente in origine dalla cappella della Compagnia della Croce di giorno annessa alla Chiesa di San Francesco, transitò per Firenze nel secondo dopoguerra, dove fu sottoposta nel 1947 a un restauro, per poi tornare negli anni Cinquanta nella sua «casa», Volterra.

La «Deposizione» (1521) di Rosso Fiorentino (particolare)

Laura Lombardi, 15 novembre 2021 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

La galleria Il Ponte di Firenze, che già nel 2019 gli aveva dedicato un «close up», presenta una retrospettiva dell’artista greco tra il 1959 e il 2022

L’artista cinese torna nella Galleria Continua con opere, anche inedite, dal 1995 ad oggi

Dopo un intervento presso l’Opificio delle Pietre Dure, che ha evidenziato l’eccezionalità della tecnica del maestro della Maniera, l’opera ha ripreso il proprio posto

Gli choc del capolavoro di Rosso Fiorentino | Laura Lombardi

Gli choc del capolavoro di Rosso Fiorentino | Laura Lombardi