Image

Lavori nel Chiostro di Michelangelo alle Terme di Diocleziano

Archivio Fotografico Museo Nazionale Romano

Image

Lavori nel Chiostro di Michelangelo alle Terme di Diocleziano

Archivio Fotografico Museo Nazionale Romano

Il patrimonio del Museo Nazionale Romano è online

Il portale «MNR digitale-collezioni e archivi», in fase di sviluppo, è già consultabile e offre la possibilità di navigare fra 52mila record relativi all’Archivio del Catalogo e 500mila relativi all’Archivio Fotografico

Image

Arianna Antoniutti

Leggi i suoi articoli

Il portale mnrdigitale.cultura.gov.it, realizzato da Gruppo Meta s.r.l. grazie al supporto di American Express Italia, costituisce un sistema gestionale integrato che consente il dialogo tra gli archivi dei differenti uffici e servizi del Museo, articolato in quattro sedi: Terme di Diocleziano, Crypta Balbi, Palazzo Massimo e Palazzo Altemps.

«È un progetto di digitalizzazione importante e permette al Museo Nazionale Romano di essere ancora di più in contatto con la comunità scientifica e con il pubblico, ha commentato il direttore Stéphane Verger, offrendo un servizio fondamentale per la conoscenza del patrimonio culturale. Il supporto lungimirante e la sponsorizzazione di American Express hanno permesso di realizzare questo progetto, ideato dal personale tecnico scientifico del Museo, il cui obiettivo finale è quello di migliorare attraverso il digitale la gestione, la conoscenza e la fruizione delle collezioni del Museo, promuovendo la digitalizzazione e l’innovazione, volte alla massima accessibilità del patrimonio».

Il progetto, che si rivolge sia al pubblico sia alla comunità degli studiosi, è stato ideato da Chiara Giobbe, responsabile del Servizio inventario e catalogo, e da Agnese Pergola, responsabile dell’Archivio fotografico del MNR. Il lavoro si è svolto in due fasi: la prima ha visto la progettazione e il recupero dei dati, la seconda, la raccolta e omogeneizzazione delle banche dati museali per il loro riversamento in MetaFAD, una piattaforma multistandard con licenza Open Source sviluppata dalla società Gruppo Meta s.r.l. Il risultato è una piattaforma capace di offrire, attraverso un unico punto di accesso, tutte le informazioni relative a ogni oggetto del patrimonio culturale del Museo. Inoltre, il sistema ottimizza anche il lavoro del personale del MNR, consentendo di seguire anche tutte le informazioni legate a restauri, movimentazioni e prestiti. 

Con un semplice click è possibile individuare i dati relativi a ciascun reperto, e associare a essi tutte le informazioni catalografiche, fotografiche e archivistiche pertinenti. Ad esempio, entrando nella sezione Catalogo, si possono visualizzare, oltre a una galleria di immagini dell’opera, tutti i dati relativi all’Acrolito Ludovisi: «materia e tecnica: marmo greco insulare, scultura a tutto tondo; provenienza: Collezione Boncompagni Ludovisi. Probabilmente rinvenuto nell’area della villa Ludovisi; N. di inventario: 8598». E ancora, descrizione dell’opera, bibliografia, e relazioni fra le schede dell’archivio fotografico. Procedendo nello sviluppo del progetto, in futuro sarà possibile visualizzare anche i dati conservati nell’Archivio storico dei documenti.

Arianna Antoniutti, 07 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Stanno prendendo sempre più corpo la piattaforma e l’app volute da Gennaro Sangiuliano e guidate da Massimo Osanna per agevolare la visita dei luoghi della cultura statali 

Il capolavoro di Leon Battista Alberti ispirato al Santo Sepolcro farà da sfondo a 109 oggetti preziosi donati dalle corti europee alla Basilica di Gerusalemme, tra cui il cinquecentesco Ornamento di Ferdinando I de’ Medici che nei prossimi mesi verrà restaurato a Roma

Nei musei pubblici da più di vent’anni questi funzionari ogni giorno si occupano di prestiti e movimentazione di opere, ma non sempre figurano con questa dicitura: manca infatti il riconoscimento ufficiale della professione

Fino al 28 giugno è possibile partecipare all'avviso pubblico promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiC

Il patrimonio del Museo Nazionale Romano è online | Arianna Antoniutti

Il patrimonio del Museo Nazionale Romano è online | Arianna Antoniutti