Wong Ping alla Kunsthalle di Basilea

In mostra una serie di animazioni digitali, ognuna accompagnata da un’installazione

Uno still di «Jungle of Desire», 2015, di Wong Ping
Bianca Bozzeda |

Basilea (Svizzera). La Kunsthalle di Basilea è il primo museo al mondo a dedicare una personale a Wong Ping, artista di Hong Kong classe ’84. La mostra espone una serie di animazioni digitali, ognuna delle quali è accompagnata da un’installazione concepita per gli spazi dell’istituzione svizzera.

La maggior parte delle opere allestite sono direttamente ispirate alla città di Hong Kong, prima musa di Wong Ping: «Osservo la vita di ogni giorno e il modo in cui la gente di qui pensa», affermava nel 2018 in occasione della sua partecipazione a una collettiva al Guggenheim di New York.

Attraverso i suoi video, accompagnati dalla voce narrante dell’autore, Wong Ping dà vita a un immaginario al contempo ironico e molto serio, in cui il tema dell’eros è onnipresente. «Il sesso è il linguaggio e non il contenuto del mio lavoro»: con un linguaggio visivo esplicito («Giungla del desiderio» e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Bianca Bozzeda