Wannenes apre una boutique immobiliare

È Wannenes Properties, il dipartimento specializzato nella vendita di immobili di prestigio italiani

Interno di una residenza a L’Aquila
Carlotta de Volpi |

Wannenes Properties è la nuova realtà inaugurata dal gruppo Wannenes, ovvero il dipartimento specializzato nella vendita di immobili di prestigio italiani. L’attività di quella che viene definita «boutique immobiliare» ha preso il via da Milano, Genova e Roma, città in cui la casa d’aste è presente con le proprie sedi. Entro il 2023 è previsto anche il coinvolgimento delle sede di Monte Carlo.

Effettivamente opere d’arte e immobili di prestigio rappresentano un binomio molto più affine di quanto si possa pensare. «Come casa daste ci muoviamo spesso allinterno di dimore di rara bellezza e questo ci offre una visione anticipata dei beni disponibili, dichiara Guido Wannenes, amministratore delegato della Casa d’Aste Wannenes e ideatore del nuovo progetto immobiliare. Negli anni ci è stato chiesto più volte di occuparci non solo delle opere darte ma anche delle dimore che le custodivano o comunque di partecipare a operazioni legate al settore immobiliare. Per questi motivi ci è sembrato naturale affiancare questo nuovo segmento a quello tradizionale, venendo così incontro a una richiesta sempre più crescente del mercato».

L’esperienza di Wannenes che opera dal 2001 nel mercato dell’arte e del collezionismo, in grado dunque di cogliere immediatamente opere significative da valorizzare, l’ha condotta a investire in un settore in crescita rimanendo in linea con i principi caratteristici della casa d’aste.

Il nuovo dipartimento intende proporre immobili di pregio, dalle piccole fino alle grandi metrature: residenze al mare e in campagna, appartamenti, case e palazzi dei centri storici o nei quartieri residenziali delle città. Queste sono solo alcune delle tipologie di proprietà trattate, senza dimenticare le «bellezze senza tempo», quelle dimore dal fascino unico che meritano di essere riscoperte.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Carlotta de Volpi