Una terra di incroci

La Galleria Nazionale dell’Umbria festeggia cent’anni con una mostra con 130 opere e restauri per 100mila euro

Ottaviano Nelli, Madonna con Bambino, Trinità, santi, cherubini, 1403. Tempera su tavola
Stefano Miliani |  | Perugia

Il 17 gennaio 1918 veniva fondata a Palazzo dei Priori a Perugia la Galleria Nazionale dell’Umbria. Nasceva anche (non solo) sulla scia di un’esposizione gigantesca oggi irrealizzabile e forse neanche concepibile: «Nel 1907 la “Mostra d’antica arte umbra” propose 940 opere portate in città anche su carri trainati da buoi. Per i cento anni del museo la rievochiamo con la rassegna “Tutta l’Umbria una mostra”», racconta il direttore del museo Marco Pierini.

La mostra attuale «Tutta l’Umbria una mostra. La mostra del 1907 e l’arte umbra tra Medioevo e Rinascimento», allestita dall’11 marzo al 10 giugno e cocurata dallo stesso Pierini e da Cristina Galassi dell’Università di Perugia, si focalizza sull’età d’oro dell’Umbria, ossia dal tardo Duecento al Cinquecento con 130 opere, distribuite nella Sala Podiani e in spazi annessi, che allora vennero tutte esposte. «Ci
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani