Una processione rivoluzionaria

Francesca Romana Morelli |  | Roma

In mostra a Roma nella galleria di Gianluca Berardi 50 oli e 30 disegni di Francesco Paolo Michetti intorno a un suo importante dipinto

Nel 1898 a Berlino il mercante Ernst Seeger inaugurò una memorabile mostra di Francesco Paolo Michetti, con 325 tra pitture e studi, acquistati nell’atelier dell’artista abruzzese (1851-1929). Spiccava il grande olio «La processione del Corpus Domini a Chieti», già di proprietà dell’imperatore Guglielmo II. È uno dei dipinti più rivoluzionari del secondo Ottocento italiano.

Nel 1877 nell’Esposizione Nazionale di Napoli il quadro aveva infatti suscitato un interesse straordinario perché, facendo tesoro della lezione «giapponista» di Mariano Fortuny, si presentava come una potente macchina visiva simbolica, che rinnovava la maniera di dipingere impiegata fino ad allora.

Il giovane maestro, tanto amato dal conterraneo D’Annunzio, vi aveva utilizzato colori non mescolati e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Romana Morelli