Un volto nella notte

Opere recenti di Andrea Martinelli nel Palazzo Ducale di Urbino

Andrea Martinelli fotografato da Gianni Berengo Gardin © Gianni Berengo Gardin
Franco Fanelli |  | Urbino

Il volto, l’ombra, la memoria è la triade che riassume compiutamente il lavoro di Andrea Martinelli (Prato, 1965) e che non a caso l’artista toscano ha scelto come titolo di un volume (edito da Le Lettere) uscito nel 2017 che raccoglie i suoi diari.

Ritratti percorsi, anche quando sono sorridenti, da un velo perenne di malinconia, quella derivante dalla coscienza della caducità del corpo, volti solcati da rughe che raccontano la storia dei soggetti, sono i protagonisti della sua opera, che torna alla ribalta a Palazzo Ducale in una mostra, visitabile fino al 30 maggio, curata da Vittorio Sgarbi. Si tratta di una quarantina di opere, alcune anche di grande formato nonostante l’elaborata tecnica che le contraddistingue, eseguite nell’ultimo decennio. Che cosa è cambiato nei dipinti, sempre saldamente ancorati a una magistrale tramatura segnica, di questo ossessivo indagatore di espressioni, rughe ed
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli