Un signor comitato per Alinari

La Fondazione istituita dalla Regione sarà diretta da «personalità di altissimo profilo»

Facciata dello stabilimento Alinari su via Nazionale a Firenze, 1929
Stefano Miliani |

Firenze. L’«operazione Alinari» è compiuta, la Regione Toscana ha rilevato dalla Fratelli Alinari Idea Spa lo sterminato patrimonio fotografico per 15 milioni di euro complessivi. Il museo, archivio, biblioteca, andranno nella sede fiorentina ipotizzata, Villa Fabbricotti: l’edificio con parco, della Regione stessa, è attiguo alla Fondazione del Museo Stibbert per cui si delinea, seppur casualmente, una zona museale nel verde fuori dal congestionato centro storico.

Adeguare la villa richiederà 27 mesi di lavori per i quali danno la loro consulenza la Soprintendenza Archivistica della Toscana e l’Opificio delle Pietre Dure; poiché i cinque milioni di fotografie, oltre a lastre, libri, riviste e apparecchi, non potranno entrare tutti nell’edificio, l’amministrazione cercherà un deposito adeguato.

Entro aprile la Regione approverà un «piano strategico», entro maggio istituirà una Fondazione,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani