Un miliardo di danni, stanziati 20 milioni

A Venezia l’emergenza che si fa quotidiana inquieta nel profondo sulle cause attuali e di medio e lungo periodo che l’hanno provocata

Lidia Panzeri |

Venezia. Il fatto più allarmante, al di là del picco di 187 centimetri dell’acqua alta nella notte del 12 novembre, è che nei giorni successivi, venerdì 15 e domenica 17, si sia superata la quota di 150. Mai successo finora un susseguirsi di eventi in tempi così ravvicinati, e per di più con la persistenza per molte ore di questo livello.L’emergenza che si fa quotidiana inquieta nel profondo sulle cause attuali e di medio e lungo periodo che l’hanno provocata. La città, comprese le categorie più danneggiate (come i gestori dei negozi e della ristorazione per non parlare dei tanti operatori in ambito culturale ed ecclesiastico), ha reagito con tempismo. Perfino con un po’ di ottimismo, tutto incentrato sulle speranze nel Mose, il progetto di difesa delle dighe mobili nei tre punti di accesso del mare nella laguna: l’eterna incompiuta, priva di un cronoprogramma certo e che già presenta criticità quale le cerniere e parti delle pareti arrugginite dalla salsedine.Si è cercato di rimediare con la nomina a commissario ad hoc di Elisabetta Spitz, fatto che ha sollevato qualche obiezione da parte di Italia Nostra.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Lidia Panzeri