Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Un busto che fa restare di stucco

È uno dei lotti della vendita di dipinti e sculture antichi di Porro e C

Il busto in stucco dipinto, già collezione Bardini, in vendita da Porro e C (particolare)

Milano. Il 14 marzo Porro & C. batte un’asta di dipinti e sculture antichi. Nel catalogo, curato da Umberto Savoia, spicca il busto femminile di stucco dipinto (1556 ca, notificato), battuto nel 1918 nella memorabile asta di Stefano Bardini (in pendant con un busto maschile di terracotta, oggi al Milwaukee Art Museum, entrambi allora attribuiti ad Alessandro Vittoria) di cui, salvo due fugaci passaggi sul mercato, si erano perse le tracce. Ristudiato e ricondotto in ambito padovano di metà ’500, il busto è in vendita con una stima di 20-25mila euro.

Fra le sculture si segnala anche una coppia di terrecotte di Giuseppe Maria Mazza (1653-1741; un suo importante gruppo è stato battuto di recente da Sotheby’s, New York, a oltre 337mila dollari) proposte a 8-10mila euro. Di grande fascino la «Natura morta» («I sensi») di Giuseppe Recco, firmata e datata 1670. Notificata anch’essa, è proposta a 40-50mila euro.

Ci sono poi il «San Gerolamo» di Bartolomeo Manfredi pubblicato da Gianni Papi (80-100mila; in temporanea importazione) e una coppia di architetture (50-60mila) di Viviano Codazzi, con scheda di Nicola Spinosa. Preziose le due tempere di Marco Ricci (30-40mila euro) e il disegno di Jacques-Louis David (15-20mila), pubblicata sulla monografia del pittore.

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012