Tracce della vita vissuta da Twombly

Silvano Manganaro |  | Roma

Secondo Rosalind Krauss la fotografia ha principalmente a che fare con l’indice, la traccia, il sintomo se non addirittura con l’orma e l’impronta. Negli scatti di Sally Mann (1951) esposti nella Gagosian Gallery fino all’8 settembre, questa caratteristica può essere riferita tanto al medium quanto al soggetto: le fotografie, infatti, ritraggono lo studio di Cy Twombly a Lexington, in Virginia, focalizzandosi su oggetti o scorci di interni, la traccia del lavoro del grande artista in un’atmosfera di profondo silenzio.

L’impressione è quella di entrare in punta di piedi nella vita privata di Twombly, magia che solo la Mann, celeberrima fotografa nota soprattutto per le sue scene di vita familiare, sa ricreare. «Remembered light: Cy Twombly in Lexington» è una mostra che parla della presenza attraverso l’assenza, del ricordo e della morte. Se è vero che la perversione sta negli occhi di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro