Tecnologia low-fi

Silvano Manganaro |  | Roma

Osservando il lavoro di Catherine Biocca (1984), le sue installazioni, le sue stampe o anche il suo sito internet, non può non venire in mente il concetto di obsolescenza così come viene teorizzato da Rosalind Krauss. Secondo la critica americana, infatti, è l’essere «fuori moda» di una tecnica che apre a una forma espressiva la possibilità di essere rifondata come medium. Il medium della Biocca è un certo tipo di tecnologia digitale dal sapore arcaico e, in questo senso, sporco, sgraziato, buffo e respingente.


Anche nella mostra aperta alla galleria Frutta dal 18 maggio al 17 giugno, la giovane artista (nata a Roma ma formatasi in Olanda) dà vita a una vera e propria messa in scena che ha come protagonisti dei bonsai parlanti e una finestra in frantumi.


L’impatto è grottesco e tragico, un effetto accentuato dalla playlist scelta dall’artista. I vari elementi collaborano dunque a creare uno
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro