San Francesco in technicolor

La prima mostra curata dal direttore Marco Pierini

Stefano Miliani |  | Perugia

Ocra rossa, minio, cinabro, biacca e oltremare sono tra i pigmenti che il Maestro di San Francesco (attivo tra il 1255 e il 1280) impiegò per dipingere nel 1272 la monumentale Croce per la Chiesa di san Francesco al Prato a Perugia costruita dai francescani alla metà del XIII secolo. Dalle curve e linee nitidamente bizantine, la tavola del pittore cresciuto ad Assisi è alta quasi cinque metri e potrebbe essere la più antica tra quelle arrivate a noi con un’immagine significativa: un piccolo San Francesco ai piedi del Cristo adora i chiodi ficcati nei piedi grondanti sangue. E da questa immagine del fondatore dell’ordine dei francescani nel dipinto conservato alla Galleria Nazionale dell’Umbria ha preso le mosse il direttore Marco Pierini per firmare la sua prima mostra nel museo affidato alle sue cure un anno fa.

«Francesco e la Croce dipinta» si tiene dal 30 ottobre al 29 gennaio 2017 nella
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani